La dieta seguita prima del concepimento può influenzare il DNA dei neonati. A sostenerlo uno studio condotto su 84 donne del Gambia dai ricercatori della London School of Hygiene & Tropical Medicine, il primo condotto su esseri umani e non animali.

La dieta delle future mamme nel Gambia è influenzata soprattutto dall’alternarsi della stagione piovosa, quindi con cibi più ricchi di nutrienti, con quella secca. I dati relativi alle donne sono stati ottenuti mediante prelievo di sangue mentre il DNA dei neonati è stato prelevato ad un’età compresa tra i 2 e gli otto mesi.

Le mamme che avevano seguito una dieta ricca di nutrienti hanno partorito neonati con alti valori di in tutti i sei geni analizzati. I ricercatori hanno dichiarato di aver individuato una connessione con i valori del sangue materno, pur affermando come saranno necessari ulteriori studi per capirne le effettive implicazioni.

Una dieta sana ed equilibrata si comunque dimostrata valida per il benessere dei nascituri ed è sempre consigliata, come sottolinea l’autrice principale dello studio, la Dr.ssa Branwen Hennig della London School of Hygiene & Tropical Medicine:

I nostri risultati hanno dimostrato che l’apporto nutrizionale delle future mamme al momento del concepimento e nelle prime fasi della gravidanza è importante e potrebbe avere implicazioni per la salute delle prossime generazioni. Le donne dovrebbero seguire una dieta bilanciata prima del concepimento e durante la gravidanza.

30 aprile 2014
Lascia un commento