Una dieta con carboidrati allunga la vita: lo studio

Seguendo una dieta con la giusta dose di carboidrati non solo metterebbe di buonumore ma sarebbe anche capace di allungare la vita. La conferma perviene da un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet Public Health, i cui ricercatori hanno analizzato la correlazione tra assunzione di carboidrati e mortalità dimostrando che chi consuma cereali, pasta e riso vive di più, almeno di 4 anni.

=> Leggi di più sulla longevità media oggi in Italia

Le diete povere di carboidrati, che limitano i carboidrati a favore di un maggiore apporto di proteine ​​o grassi (o entrambi) rappresentano una strategia molto diffusa per perdere peso. Tuttavia secondo i ricercatori l’effetto a lungo termine sulla mortalità di una dieta low-carb è controverso e “potrebbe dipendere dal fatto che i carboidrati alimentari vengano sostituiti da grassi e proteine a base vegetale o animale”.

Prendendo così in esame oltre 15 mila adulti dall’età compresa fra i 45 e i 64 anni, gli studiosi hanno esaminato l’associazione tra la percentuale di energia derivante dall’assunzione di carboidrati e la mortalità per diverse cause, tenendo conto di possibili relazioni non lineari e combinando i dati ARIC con quelli riportati da sette studi diversi sulle stesse tematiche. Inoltre è stata valutata la sostituzione nella dieta di fonti animali o vegetali di grassi e proteine con i carboidrati per stimare gli effetti sulla mortalità.

È così emerso che sia una dieta a basso contenuto di carboidrati che ad alto consumo di carboidrati sono state associate in ogni caso ad un aumento della mortalità, ma che a partire dai 50 anni un’alimentazione con un apporto moderato ed equilibrato di carboidrati l’aspettativa di vita media sarebbe di altri 33 anni, 4 anni in più di chi ne consuma troppi o troppo pochi.

=> Scopri quali esercizi allungano la vita

In particolare gli studiosi elogiano le qualità della pasta, una potentissima fonte di energia che fornisce la giusta carica all’organismo per affrontare la giornata; ricca di vitamine B, aiuta il corretto funzionamento del sistema nervoso, protegge il cuore ed è capace di prevenire l’insorgere di cellule tumorali. Rispetto a quanto in molti direbbero mangiare pasta non fa ingrassare, anzi sarebbe una grande alleata di una dieta dimagrante. Bisogna porre attenzione alla quantità da consumare e soprattutto al condimento, che dovrebbe essere a base di pomodoro o verdure.

19 settembre 2018
Immagini:
Lascia un commento