La dieta anticancro è uno stile alimentare equilibrato nel quale si predilige l’impiego di alcuni cibi, come ad esempio quelli di provenienza vegetale, i cerali non raffinati, i legumi, la frutta e la frutta secca. Nel frattempo, si limita o si esclude il consumo di altri alimenti.

La prevenzione del cancro con l’alimentazione è senz’altro uno degli aspetti più importanti per favorire il mantenimento del benessere fisico, ma non è il solo. La dieta anticancro deve essere inserita in uno stile di vita sano in cui si favorisce il mantenimento del giusto peso corporeo, si pratica con regolarità attività fisica, si limita l’assunzione di bevande alcoliche e, chiaramente, si evita il fumo. Di conseguenza analizzeremo:

  • quali sono i principali punti della dieta anticancro pubblicati dal World Cancer Research Fund, il Fondo mondiale per la ricerca sul cancro, che ha eseguito una attenta revisione della letteratura scientifica per aggiornare e definire il rapporto tra alimentazione e tumori;
  • gli alimenti da evitare e quelli di cui è importante ridurre il consumo;
  • un esempio di menu per un pasto equilibrato e sano;

I principali consigli della dieta anticancro

Uno stile di vita sano e una dieta equilibrata e varia, basata sui principi della dieta mediterranea, hanno dimostrato di essere chiave nella prevenzione del cancro. Ecco i principali aspetti della dieta anticancro:

  • consumare quotidianamente almeno 3 porzioni di frutta e due di verdura;
  • preferire pasta, riso e altri cereali non raffinati per assicurarsi un regolare apporto di fibra alimentare;
  • aumentare l’utilizzo dei legumi che assicurano un ricco apporto di proteine;
  • bere almeno 8 bicchieri di acqua al giorno;
  • limitare il consumo di carne, soprattutto di quella rossa e conservata, ossia gli insaccati;
  • evitare i superalcolici e limitare i consumo di vino e birra al pasto;
  • ridurre il sale, ossia aggiungerne poco alle ricette e limitare l’uso di alimenti conservati ricchi di sale.

Una efficace prevenzione si ottiene favorendo il consumo di alimenti freschi, di stagione e, per quanto possibile, prodotti in ambienti naturalmente sani e lontano dai luoghi più inquinati.

Dieta anticancro: gli alimenti da evitare

La ricerca scientifica è in continuo aggiornamento per stabile quali alimenti siano direttamente correlati all’aumento del rischio di sviluppare una malattia oncologica. Recentemente l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato i risultati della revisione della letteratura disponibile, stabilendo
il consumo quotidiano di 50 g carne rossa lavorata e stagionata – ossia salsicce, wurstel e insaccati – aumenta del 18% il rischio di sviluppare il cancro del colon.

La carne rossa è da tempo nel mirino della ricerca: va limitato il suo consumo in linea generale e, comunque, si dovrebbe evitare la cottura alla griglia, soprattutto al barbecue con carbonella. Questa cottura a temperature elevate favorisce la formazione di amine eterocicliche e gli idrocarburi policiclici aromatici, sostanze che hanno dimostrato di essere cancerogene.

Tra gli alimenti da evitare vi sono anche tutti i cibi conservati di produzione industriale: l’Efsa ha di recente pubblicato i risultati di una revisione che dimostra che nell’olio di palma cotto a temperature superiori a 200 gradi si forma il glicidiolo, da tempo è un noto genotossico e cancerogeno.

Un pasto anticancro

La dieta anticancro è prima di tutto uno stile alimentare equilibrato, in cui ogni pasto apporta la giusta quantità di carboidrati, grassi e proteine. Per tutti questi macro nutrienti, tuttavia, è indispensabile scegliere la fonte:

  • meglio i carboidrati di frutta, verdura e cereali integrali;
  • ottime le proteine dei legumi e, almeno per chi non ha scelto uno stile alimentare vegano, quelle del pesce azzurro;
  • l’olio extravergine di oliva è il condimento più adatto, soprattutto quando aggiunto a crudo.

Un menu completo potrebbe essere composto da pasta con lenticchie e noci, che rappresenta un buon piatto unico, seguito da una insalata mista con pomodori freschi e olive nere. In questo menu solo grassi buoni, tanta fibra alimentare e buon apporto di proteine e carboidrati sani.

12 maggio 2016
I vostri commenti
giuseppe, venerdì 13 maggio 2016 alle15:22 ha scritto: rispondi »

per favore prendete in considerazione la dieta per chi soffre di malattia diverticolare

Lascia un commento