Seguire una dieta dimagrante e non riuscire a raggiungere il peso desiderato, può essere sconfortante. Ma, visto che perdere i chili di troppo è in ogni caso un sacrificio, basta eliminare i carboidrati per due soli giorni la settimana, e il gioco è fatto.

Sembra infatti più efficace, quando si vuole dimagrire, rinunciare al pane e alla pasta due giorni su sette, piuttosto che contare le calorie di ogni singolo alimento ingerito: più efficace al punto da perdere quasi il doppio del peso, rispetto a quello perso durante una normale dieta dimagrante.

Questa scoperta viene direttamente dall’University Hospital di South Manchester, dove la ricercatrice Michelle Harvie insieme ad altri colleghi hanno sperimentato tre diversi regimi alimentari sulle 115 donne che volontariamente hanno preso parte al progetto.

Una dieta dimagrante limitava a 650 calorie l’alimentazione prevista per due giorni la settimana, evitando pasta, pane e cibi grassi.

Un’altra dieta lasciava libere le volontarie di mangiare, con un unico limite: niente carboidrati per due giorni.

L’ultima dieta, invece, era una dieta dimagrante tradizionale, con 1.500 calorie al giorno.

Sembra che le volontarie coinvolte nella ricerca non siano state sottoposte a attività  fisica, in associazione alla dieta predisposta. Dallo studio risulta che dopo tre mesi le donne a cui era stato assegnato un regime alimentare restrittivo tradizionale, con il limite di 1.500 calorie al giorno, abbiano perso in media 2,4 chili. Le altre, invece, quasi il doppio: le donne che hanno seguito un tipo di dieta che escludeva per solo due giorni l’assunzione di carboidrati, hanno perso mediamente 4 chili in tre mesi.

Questa scoperta, però, andrebbe presa con la stessa cautela di ogni altra dieta dimagrante. Infatti, anche questo tipo di dieta ipocalorica – o sarebbe meglio dire ipocarboidratica – andrebbe consigliata da uno specialista, in base alle proprie condizioni fisiche, evitando conseguenze drammatiche per la propria salute. La dieta dimagrante in questione, rigida per soli due giorni su sette, pare abbia avuto effetto – come dichiarato dalla ricercatrice Michelle Harvie – in quanto le donne riuscivano a contenersi maggiormente durante gli altri giorni della settimana, nonostante l’assenza di limiti, rendendo più naturale il dimagrimento. Eppure, le nuove diete dimagranti che consigliano un’alimentazione a base di carboidrati – come quelle a base di pasta o pizza – pare siano ugualmente efficaci.

Il segreto è sempre evitare di condire i cibi con salse grasse ed eccessivamente caloriche. I condimenti, da sempre, sono particolarmente importanti quando si sta cercando di perdere peso, indipendentemente dal corretto conteggio delle calorie.

26 marzo 2013
I vostri commenti
giorgia, martedì 8 novembre 2016 alle13:45 ha scritto: rispondi »

sto frequentando una palestra e faccio sala pesi vorrei fare una dieta di 2 giorni senza carboidrati

antonio, venerdì 18 settembre 2015 alle10:50 ha scritto: rispondi »

io ho perso peso mangiando alle undici frutta, il primo a mezzo giorno e verdura poi la frutta alle dicia sette, il secondo e insalata la sera senza frutta, così si mangia cinque volte al giorno tutto. il mio dottore mi dice diversificare gli alimenti.... nel tempo.. vi assicuro ch'è il massimo

mimma56, domenica 24 agosto 2014 alle22:19 ha scritto: rispondi »

speriamo che io riesca ad essere costante,almeno per tre mesi così potrei aggiustare i livelli dei trigliceridi

Lucia Stracquadaini, giovedì 27 marzo 2014 alle9:45 ha scritto: rispondi »

Ho fatte tante diete..vediamo se questa funziona

mgrazia, domenica 27 ottobre 2013 alle15:20 ha scritto: rispondi »

Molto interessante. Potrebbe essere la volta buona?

Lascia un commento