Il diavolo della Tasmania, noto come diavolo orsino, è un marsupiale molto diffuso nello stato australiano della Tasmania. Deve il nome ai versi che emette che, ai primi esploratori e coloni, ricordavano proprio quelli di una presenza demoniaca. A dispetto della sua fama di mammifero dal morso coriaceo, ultimamente sta rischiando l’estinzione perché diffuso solo sull’isola da cui prende il nome e, sporadicamente, nel continente. Per mettere al sicuro il suo futuro, il governo locale l’ha inserito tra le specie protette, per questo sono presenti molti parchi e rifugi tematici. Uno tra questi è quello gestito da Tim Faulkner, General Manager e Head of Conservation presso l’Australia Reptile Park a Somersby, oltre che del The Devil Ark a Barrington Tops nel Nuovo Galles del Sud. L’uomo è noto nel settore per il suo lavoro in fatto di conservazione e salvaguardia, ma anche di educazione e sensibilizzazione attraverso il programma TV “Bondi Vet”.

=> Scopri le tigri obese a causa dei turisti


I suoi passaggi presso parchi tematici non sono passati inosservati, l’uomo ha catturato l’attenzione di alcuni degli ospiti. Ma in particolare l’interesse di uno dei cuccioli di diavolo della Tasmania, che presso il centro ha trovato una casa e tante cure. Ma ha deciso di trasformare Tim nel suo mentore e nella sua guida, così da inseguirlo per tutta l’area verde passo dopo passo. Un vero innamoramento, un colpo di fulmine per il cucciolo, che non abbandona l’uomo neppure per un attimo. I video pubblicati sulla pagina Facebook di Tim mostrano le simpatiche scenette, che si concludono con il mini mammifero che si fa issare tra le braccia per ricevere coccole e grattini sulla pancia.

=> Scopri le tigri obese a causa dei turisti


È tipico di questi animaletti stabilire legami forti e duraturi, affetti davvero speciali a cui i cuccioli non vogliono rinunciare. Come mostra il profilo social, l’uomo è molto attivo in campo animalista, vive fianco a fianco con molti animali bisognosi di protezione e cura. I diavoli della Tasmania presenti nei suoi santuari sono passati dalla cifra iniziale di 44 unità del 2011 alle 180 attuali. Una crescita lenta ma molto positiva.

27 luglio 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento