Diario alimentare: come usarlo e a cosa serve

Anche per coloro che non hanno la necessità di perdere peso, impostare un regime alimentare sano e completo deve rappresentare una priorità per tutelare il proprio benessere e mantenersi in salute. Il diario alimentare può fornire un valido supporto per raggiungere questo obiettivo, aiutando ad acquisire consapevolezza e a individuare sia le abitudini corrette sia gli errori da evitare.

Spesso, infatti, è difficile rendersi conto del livello di qualità che caratterizza il proprio modo di mangiare e l’abitudine di annotare quotidianamente tutto ciò che si ingerisce può realmente aiutare a fare chiarezza.

=> Scopri perché non mangiare di notte


Per ottenere maggiori benefici, tuttavia, è indispensabile conoscere in modo approfondito come funziona questo prezioso strumento e quali sono le tecniche da adottare per utilizzarlo in modo efficace.

Finalità del diario alimentare

Il diario alimentare è sostanzialmente una scheda, compilabile manualmente su un’agenda, un semplice foglio o utilizzando un comune software informatico, dove monitorare la propria alimentazione per un periodo di tempo limitato – una o due settimane, ad esempio – e annotare tutti gli alimenti e le bevande consumati in ogni singolo giorno. Esistono anche specifiche app scaricabili sul proprio tablet o smartphone, intuitive e veloci da usare, per tenere traccia in modo agevole dei pasti, spuntini e pause caffè comprese.

A utilizzare il diario possono essere coloro che devono recarsi da un nutrizionista o dietologo per farsi consigliare una dieta dimagrante, da chi sospetta intolleranze o desidera escluderle, così come dalle persone che vogliono essere sicure di mangiare in modo sano o di introdurre una quantità di calorie adeguata all’attività fisica compiuta giorno per giorno.

=> Scopri la scelta della dieta e la reazione del corpo


Fondamentale, inoltre, è utilizzare il diario come sistema di controllo delle relazioni esistenti tra la necessità di mangiare o bere e il proprio stato emotivo, spesso responsabile di attacchi di fame e del bisogno di consumare snack fuori pasto.

Come compilarlo

L’efficacia del diario alimentare è subordinata ad alcuni aspetti basilari: più dettagliato sarà lo schema adottato e maggiormente utili saranno le informazioni acquisite al termine del periodo di monitoraggio, lasso di tempo che necessiterà di grande costanza e forza di volontà.

Per quanto riguarda la tipologia di dati da schedare, oltre ai giorni della settimana e alle fasce orarie è certamente utile inserire nel diario il luogo dove si consuma il pasto e indicare se si è da soli o in compagnia. Altre informazioni utili riguardano il tipo di alimento o bevanda consumato accompagnato dall’indicazione della quantità, possibilmente indicata utilizzando le misure di peso o di capacità.

=> Scopri perché la dieta mediterranea è la più salutare


Ancora più utile, infine, è arricchire il diario alimentare riportando sulla tabella anche il livello di sazietà acquisito dopo il pasto e l’eventuale desiderio di mangiare specifici cibi che nasce in alcuni momenti della giornata.

Per monitorare il consumo energetico quotidiano, soprattutto in vista di una dieta finalizzata al dimagrimento, è anche consigliato riservare una sezione del diario alla descrizione dell’attività fisica svolta durante il giorno, specificando l’orario, la tipologia – anche se si tratta di una semplice passeggiata – e la durata.

1 settembre 2017
Immagini:
Lascia un commento