I tagli alle agevolazioni fiscali del 50% e del 65% previste per i lavori di riqualificazione energetica e per la ristrutturazione degli edifici non ci saranno. A rassicurare gli animi, dopo le indiscrezioni sull’eliminazione dei bonus per l’efficienza energetica e le ristrutturazioni edilizie emerse nelle ultime ore, è il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio.

Delrio ha sottolineato ancora una volta che gli sgravi fiscali per l’efficientamento energetico e per le ristrutturazioni edilizie negli ultimi anni si sono rivelati determinanti per creare nuova occupazione e sostenere la crescita. Impensabile dunque farne a meno in un momento così critico per il Paese.

Delrio non si è limitato a smentire il taglio dei bonus, ma ha anticipato che il Governo intende anzi potenziare e ampliare le agevolazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione edilizia ed energetica.

Il ministro ha spiegato che i provvedimenti per l’ampliamento dei bonus potrebbero essere introdotti già nella prossima legge di stabilità. Delrio si è però affrettato a specificare che non conosce le ipotesi al vaglio dei tecnici chiamati dal Governo a mettere a punto il piano per la “Spending review”:

Questa è la mia posizione. Non ho visto le ipotesi che si starebbero mettendo a punto, ma si tratta di ipotesi tecniche cui non hanno partecipato i ministri interessati.

Il taglio degli sgravi del 50% e del 65% per gli interventi di riqualificazione edilizia ed energetica sarebbe dunque un’iniziativa della task force per la Spending review, non ancora vagliata dai ministri. In totale i tecnici avrebbero individuato 52 voci di taglio.

Nei prossimi giorni Delrio ha in calendario un appuntamento con Yoram Gutgeld, commissario della Presidenza del Consiglio alla Spending review. Oggetto dell’incontro saranno i tagli ipotizzati dai tecnici e le possibili alternative. Le misure al vaglio della task force sono tutt’altro che ben definite.

Non a caso nei giorni scorsi il Presidente del Consiglio Matteo Renzi aveva rassicurato anche sul mantenimento di un’altra importante detrazione: il bonus mobili del 50%. Il Governo nei prossimi mesi esaminerà con calma le proposte per la Spending review. La decisione definitiva è attesa per il prossimo autunno, quando verrà discussa la Legge di Stabilità.

27 aprile 2015
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento