In occasione della fiera Solarexpo & Greenbuilding di Verona, sono stati forniti i dati sugli effetti della detrazione fiscale del 55% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici. Secondo l’ENEA, in 4 anni di operatività sono state realizzate 1 milione di opere di riqualificazione energetica, il 71% delle quali concentrate tra il 2009 e il 2010.

I dati sono stati presentati in occasione di un convegno dedicato all’efficienza energetica, alle rinnovabili negli edifici e, in particolare, alla detrazione fiscale del 55%. Il responsabile dell’ENEA per il 55%, Giampaolo Valentini, si è così espresso:

In Italia il 35,2% dei consumi di energia totale dipendono dal settore residenziale e, di questi, almeno il 70% sono relativi al riscaldamento. Oggi le abitazioni italiane consumano 120-150 kWh/m2 all’anno, un livello ancora troppo alto che tuttavia con le attuali tecnologie e con le dovute accortezze costruttive, senza extra costi, potrebbe essere ridotto addirittura del 50%.

In particolare, secondo l’ENEA sarebbero stati realizzati soprattutto interventi relativi alla coibentazione, alla sostituzione degli infissi e, per quanto riguarda il risparmio energetico, alla sostituzione degli impianti termici. Il costo degli investimenti complessivi si aggirerebbe intorno agli 11,1 miliardi di euro, con una detrazione totale pari a circa 6,1 miliardi di euro.

L’intervento di Valentini si è quindi concluso rimarcando il ruolo chiave che la detrazione fiscale del 55% ha svolto in questi anni:

Secondo la mia opinione questo sistema incentivante è il più democratico perché coinvolge tutti, persone fisiche e aziende, e in questi anni ha permesso anche di accrescere nell’opinione pubblica la cultura ambientale e del risparmio energetico, oltre a creare occupazione e nuove imprese.

Molto probabilmente, la detrazione dovrebbe terminare il 31 dicembre 2011 e, nonostante sia stata ventilata la possibilità di un’ulteriore proroga, l’ipotesi più probabile è che a partire dal 2012 venga sostituita da nuovi incentivi determinati sulla base del valore economico dell’energia prodotta o risparmiata in edilizia.

10 maggio 2011
Lascia un commento