Il binomio pelle e rimedi naturali, così come già visto in altre occasioni, è uno dei più proficui nell’universo della cura verde. Dai benefici della dieta vegana per levigare la texture del viso a questioni più specifiche come la psoriasi, piante ed erbe sembrano essere davvero miracolose. Vi è però una patologia generica, e non sempre dalle cause evidenti, che spesso si trascura sulla stampa proprio perché ampiamente diffusa: la dermatite.

Sintomi e Cause della Dermatite

Per dermatite si intende un gruppo di svariate patologie che colpiscono la pelle, dai semplici rossori a desquamazioni, passando per rash, orticaria, bolle o prurito a seconda della gravità. Non sempre la causa della dermatite è ben nota, anche se appare chiaro che alla base vi sia una risposta immunitaria, e nella grande maggioranza dei casi viene definita “da contatto”, ovvero dovuta alla vicinanza o all’utilizzo di un prodotto non tollerato. Non è semplice capire quale sia la sostanza che genera tali dermatiti – disturbo che può manifestarsi anche semplicemente per lo stress – perché il range su cui indagare va dall’alimentazione al vestiario, dai ritrovati per l’igiene del corpo all’utilizzo di certi metalli. Vi sono degli aiuti naturali, però, che possono limitarne i sintomi.

Dermatite: i rimedi a tampone

Per ottenere immediato sollievo dagli effetti della dermatite, senza però irritare ulteriormente l’area colpita, si può ricorrere alla tamponatura. Una delle principali erbe lenenti disponibili in natura è la camomilla, si inumidisca quindi una garza sterile e la si appoggi per qualche minuto sulla zona irritata, senza sfregare. Allo stesso modo il mirtillo, grazie alla sue proprietà per la microcircolazione a livello epidermico, può aiutare a ridurre rossore e ferite senza il rischio di cicatrici. Si prendano 50 grammi di mirtilli e li si immerga in un litro d’acqua, si frulli il tutto e si faccia riposare per 30 minuti. Dopodiché, si porti a ebollizione il composto per 20 minuti e, una volta freddo, si facciano degli impacchi seguendo la stessa procedura seguita per la camomilla.

Rimedi spalmabili contro la dermatite

Olio di cocco

Coconut Oil For Alternative Therapy via Shutterstock

Dal mondo vegetale arrivano anche tanti rimedi da distribuire sulla pelle irritata come se fossero una crema. Si parta innanzitutto con l’olio di cocco: date le sue precise proprietà antibatteriche e antimicotiche, può aiutare a ridurre quelle dermatiti di natura infettiva. Il ritrovato più famoso è però quello della farina d’avena, da sempre utilizzata nella tradizione popolare proprio per i disturbi d’arrossamento o allergia. Si può decidere di fare un bagno caldo oppure creare una crema casalinga: si aggiunga alla farina d’avena dei piccoli quantitativi d’acqua, affinché diventi malleabile ma non si formino grumi. La si distribuisca, quindi, sulla zona affetta e si attenda una decina di minuti prima della rimozione, facendo attenzione che il composto non si secchi. Grandi benefici anche dal latte di mandorla, da versare direttamente sull’irritazione o da utilizzare come semplice coadiuvante dei detergenti durante la doccia.

Dermatite e rimedi alimentari

Anche la cura del cibo può avere effetti strepitosi sul decorso della dermatite. Innanzitutto, è bene aumentare nella dieta la presenza di alimenti ricchi di vitamina E, fondamentale per la pelle, naturalmente contenuta in grano, mais, burro d’arachidi, semi di girasole e molto altro ancora. Molto utile è l’aloe vera, non solo per l’uso topico ma anche per la dieta così che agisca dall’interno, il miele e la propoli, per le loro precise peculiarità disinfiammanti e antibatteriche. Infine, un valido aiuto sembra provenire dall’aceto di mele, astringente e sfiammante, da sostituire in tavola al normale aceto d’uva.

15 settembre 2013
I vostri commenti
Federica, martedì 31 gennaio 2017 alle10:50 ha scritto: rispondi »

Soffro di dermatite (definita da tutti come "da contatto") e psoriasi da diversi anni. I medici di tutti i tipi, da quello di famiglia al dermatologo all'allergologo l'hanno sempre trattata con il cortisone (con prove allergiche e gli esami del sangue, non è mai emerso nulla). Da quando ho smesso di usare creme al cortisone perché mi avevano abbassato le difese immunitarie della pelle la dermatite si è scatenata. In farmacia ho avuto occasione di fare un test per le intolleranze alimentari: sono risultata intollerante a due alimenti. Al momento sto seguendo la dieta che mi hanno dato e la dermatite sembra essersi stabilizzata (non ancora guarita) in compenso i problemi di psoriasi sul cuoio capelluto sono notevolmente diminuiti, le unghie che si sfaldavano stanno ricrescendo perfettamente. Intanto la dermatite la sto trattando con impacchi di camomilla e crema all'aloe, che aiutano a diminuire prurito e fastidio, nell'attesa di capire se effettivamente anche questa è collegata all'intolleranza.

bruno, martedì 23 settembre 2014 alle16:07 ha scritto: rispondi »

salve soffro di dermatite da contatto aqua igienico dottori fallimento rimedi zero antistaminici

roby, giovedì 10 ottobre 2013 alle12:13 ha scritto: rispondi »

Per la dermatite da contatto che ho ai piedi io uso spt d'inverno calzari microair barrier. D'estate si risolve abbastanza da sola grazie al fatto che porto molto sandali e ciabatte, quindi il piede respira bene. Mi limito a fare dei bagni di 10 minuti in acqua e sale 1 o 2 volte al gg. D'inverno invece riesco a tenere le scarpe e a salvaguardare il piede solo grazie all'utilizzo dei calzari che metto a contatto con la pelle sotto i calzini. Il tessuto di cui sono fatti fa da barriera ed evita che la pelle entri in contatto con l'allergene che procura la dermatite.

Lascia un commento