Depurarsi mangiando è quanto di più utile si possa fare per il nostro benessere, durante e dopo le feste: la scelta di alimenti naturalmente depurativi e disintossicanti, infatti, consente al nostro corpo di eliminare le sostanze nocive che si sono accumulate mangiando troppo.

Ritrovare il giusto equilibrio, e anche ripulire dalle scorie il nostro organismo: la via più gratificante ed efficace è mettere in tavola gli alimenti giusti e garantirsi, così, le proprietà benefiche degli stessi.

=> Scopri la tisane detox per gennaio


Vediamo quali caratteristiche devono avere e quali sono gli alimenti da scegliere per depurarsi mangiando, realizzando ricette e menu gustosi oltre che detossificanti.

Antiossidanti

Gli antiossidanti sono sostanze attive nel neutralizzare i radicali liberi, che accelerano l’invecchiamento cellulare e deprimono il sistema immunitario. La quantità di radicali nel nostro corpo è sempre variabile e risulta particolarmente elevata dopo un periodo di eccessi alimentari, di abuso di grassi saturi e scarsa attività fisica. Di seguito, quali ingredienti antiossidanti scegliere.

=> Scopri le proprietà della curcuma


  • Curcuma: una spezia di uso tradizionale nella cucina indiana e anche nella cultura medica e culinaria cinese. Ha riconosciute proprietà antiossidanti e detossificanti sul fegato. La curcumina, il principale componente attivo, previene la formazione dei radicali liberi e neutralizza quelli già esistenti. La si può aggiungere alle ricette per regalare sapore e colore che rendono il piatto ancora più appetitoso.
  • Limone: il succo favorisce il rilascio di enzimi che convertono le tossine in una forma facilmente eliminabile. Il succo di un limone diluito in un bicchiere di acqua è una bevanda dissetante che andrebbe consumata una volta al giorno e, soprattutto, dopo un pasto ricco di ortaggi, per favorire l’assorbimento del ferro vegetale.
  • Broccoli: tra le crucifere, sono i più ricchi di principi attivi benefici. Contengono da 20 a 50 volte più sulforafano, attivatore di enzimi detossificanti e antiossidanti. Sono buoni crudi in una insalata invernale o cotti al vapore e aggiunti alla pasta come condimento.
  • Barbabietole: sono ortaggi ricchi di beta-carotene, un potente antiossidante e pro-vitaminico, precursore della vitamina A, che protegge le cellule dai danni dei radicali liberi. Per assicurarsi i vantaggi è importante ricordare che il betacarotene lo si può assorbire grazie al condimento, ottimo per lo scopo è l’olio extravergine di oliva aggiunto a crudo. Il potere antiossidante resiste anche alla cottura. In più le barbabietole sono una buona fonte di magnesio, calcio, zinco e ferro, necessari per attivare gli enzimi utili a eliminare le tossine dall’organismo.
  • Mirtilli: le spiccate proprietà antiossidanti sono dovute ai flavonoidi. Durante la stagione invernale si possono mangiare essiccati, sono ottimi anche aggiunti allo yogurt a colazione.

Coleretici e colagoghi

Le sostanze coleretiche e colagoghe favoriscono la secrezione della bile e stimolano il flusso biliare verso il duodeno, rispettivamente. La bile facilita la digestione dei grassi e delle vitamine liposolubili, regola l’acidità delle secrezioni gastriche, stimola i movimenti intestinali e mantiene in salute la flora batterica. Di seguito quali ingredienti coleretici e colagoghi scegliere.

=> Scopri le proprietà dei carciofi


  • Carciofi e barbabietole sono ingredienti e alimenti con spiccate proprietà colagoghe e coleretiche. Cotti al vapore e conditi con olio extravergine di oliva a crudo, sono ottimi come contorno. Entrambi sono anche utili per condire un piatto di pasta: dopo la cottura al vapore, saltare in padella con uno spicchio di aglio e un po’ di scalogno e infine aggiungere la pasta, facendo saltare a fuoco medio-alto prima di servire.
  • Il tarassaco, una “cicoria spontanea” tipica della stagione primaverile. In tutte le altre stagioni si può trovare in erboristeria come essiccato per infuso: 15 g di radici essiccate sono sufficienti per 200 ml d’acqua calda. Questa bevanda potrebbe essere consumata a metà mattina e a metà pomeriggio.

Regolatori dell’attività intestinale

Sono alimenti ricchi di fibre e stimolanti della peristalsi del colon, ossia in grado di favorire il transito del cibo e il regolare assorbimento dei nutrienti. Di seguito quali ingredienti probiotici e ricchi di fibre scegliere.

  • Crauti: i cibi fermentati sono, anche secondo le ultime ricerche scientifiche, ricchi di lieviti e batteri utili per ristabilire l’equilibrio della flora intestinale. In altre parole, i crauti sono un “integratore probiotico naturale” e sono utili per ridurre gonfiore e pesantezza addominali.
  • Mele: sono tra i frutti più ricchi di fibre, in particolare pectina. Questa fibra solubile svolge una riconosciuta azione disintossicante a livello intestinale, anche mantenendo in salute la flora. In più ha una azione regolatrice sull’assorbimento del colesterolo. È facile assicurarsi i vantaggi di questo frutto: ne basta una al giorno, a metà mattina o a metà pomeriggio.
  • Semi di Lino: sono davvero un concentrato di fibre che aiutano a sgonfiarsi e a ritrovare una buona regolarità intestinale. Un buon modo per assicurarsene i vantaggi è metterne 2 cucchiaini in un bicchiere d’acqua, lasciare in infusione per tutta la notte e bere al mattino al risveglio.

2 gennaio 2017
Lascia un commento