L’argilla verde è un rimedio naturale che non ha bisogno di presentazioni: conosciuta sin da tempi antichissimi, è utilizzata per le più svariate applicazioni, tra cui la pulizia del viso, la lotta all’acne, i problemi di stomaco e molto altro ancora. Fra gli usi meno conosciuti, però, vi è quello dell’argilla verde ventilata come ottimo depurante per l’organismo.

L’argilla ha infatti delle note proprietà antibatteriche, assorbenti, cicatrizzanti e mineralizzanti, utili per il benessere sia dell’apparato digerente che del fegato. Di seguito, le proprietà e i consigli di utilizzo.

Proprietà

L’argilla verde ventilata è così chiamata perché molto sottile, quasi impercettibile al tatto. Formatasi grazie alle antiche rocce dette feldspati, presenta una struttura minerale molto complessa che comprende una lunga infinità di elementi: silice, calcio, magnesio, sodio, zolfo, fosforo, potassio, argento, ferro, alluminio e via dicendo. L’alta concentrazione di minerali con elevato potere assorbente – tra cui appunto l’alluminio, spesso utilizzato nei farmaci antiacidi per lo stomaco – ne spiega anche l’elevato effetto depurativo. Grazie a un’azione che contrasta l’acidificazione del PH sanguigno e la circolazione dei metalli pesanti, l’argilla verde ventilata esplica gran parte delle sue funzioni a livello del fegato, soprattutto quando messo a dura prova da un’alimentazione non corretta o dal consumo di alcolici. La si trova normalmente in qualsiasi erboristeria e la sua solubilità in acqua è buona, sebbene tenda ad addensarsi piuttosto che a sciogliersi del tutto.

Usi e controindicazioni

Argilla

Spa Clay via Shutterstock

Prima di utilizzare l’argilla verde ventilata come rimedio depurativo, è utile consultare il proprio medico. Non perché l’argilla faccia in sé male, bensì poiché potrebbe interferire sul transito intestinale o portare a un mancato assorbimento, dato il suo forte effetto tampone, di eventuali farmaci.

La preparazione solitamente prevede il ricorso a un paio di cucchiaini di argilla verde ventilata sciolti in un bicchiere d’acqua. Sebbene la bevanda così preparata possa essere subito ingerita, è bene lasciar riposare per una notte il liquido, accertandosi che il luogo di conservazione sia completamente buio. In questo modo si verrà a creare un deposito sul fondo, che renderà l’azione depurante della bibita più leggera e permetterà all’organismo di abituarsi gradualmente. L’operazione può essere ripetuta nel tempo, ma si sconsiglia di superare i 10 giorni consecutivi al mese dato il forte effetto assorbente del composto, che potrebbe addirittura compromettere la naturale digestione del cibo.

L’assunzione di argilla verde ventilata potrebbe avere degli effetti collaterali generalmente transitori, per questo si consiglia sempre di seguire il parere del medico per evitare spiacevoli conseguenze. Tra i più diffusi, si elenca:

  • Stitichezza: il potere assorbente dell’argilla sull’acqua potrebbe rendere le feci più consistenti e renderne difficile l’escrezione. Qualora i disturbi intestinali fossero di intensità elevata, è bene interrompere immediatamente il trattamento e seguire una dieta ricca di fibre;
  • Allergie: sebbene poco frequenti, possono manifestarsi dei fenomeni allergici dall’assunzione di argilla verde ventilata. Si consiglia di testare prima l’uso esterno, ad esempio con uno strato di crema sulle mani, dopodiché di berne piccoli sorsi fino a completa sicurezza;
  • Farmaci: l’argilla interagisce con l’assorbimento dei farmaci, rendendo la cura virtualmente inutile. Per questo motivo, non dovrebbe essere assunta in caso fossero in corso altri trattamenti;
  • Tipologia: per uso interno non va assolutamente utilizzata l’argilla verde pensata per la cosmesi, perché non sufficientemente raffinata affinché l’organismo la possa correttamente gestire.

1 gennaio 2014
I vostri commenti
luca, domenica 20 agosto 2017 alle15:10 ha scritto: rispondi »

Buongiorno, Siccome lavoro all'estero e sto facendo la profilassi antimalarica con il malarone (una pillola al giorno), é confermato che l'assunzione dell'argilla interferisce anche con questo farmaco, inibendo gli effetti? Grazie. Saluti, Luca

Toti, sabato 26 marzo 2016 alle12:28 ha scritto: rispondi »

Salve, articolo interessatissimo, le vorrei chiedere una cosa.. io ho fatto l'en plein, ovvero.. ho quattro neuropatologie: due sindromi del tunnel cubitale, e due carpali, cmq (almeno) dolore zero, però sta iniziando a darmi fastidio questo intorpidimento alle mani, anche perché sono uno che fa sport da quando è nato, però, appena mi sono venute queste neuropatologhe (cioè da un po’ di mesi), mi sono fermato. Da qualche giorno ho iniziato la cura dell’Argilla verde ventilata, essiccata al sole (premetto che in questo campo sono un po’ ignorantello, pure se mi sono informato un po’), cmq… ne applico un po’ dove si viene operati per il “carpale”, e per la “cubitale”, quindi palmo delle mani, e dietro i gomiti. La mia tecnica è quella di alternare, 5/7 ore al giorno, per il carpale, e il giorno dopo altre 5/7 ore per il cubitale. Secondo lei sto facendo bene? oppure no? E se facessi.. 4 ore per il carpale, intervallo di un’ora, e altre 4 ore per il cubitale, lo stesso giorno? Lei che dice, sarebbe un’esagerazione? Aspetto se è possibile una sua risposta, arrivederci e buona giornata.

marty, venerdì 16 ottobre 2015 alle20:51 ha scritto: rispondi »

buongiorno, una domanda. Io sto seguendo la terapia ormonale ( con tamoxifene) da circa 10 mesi, potrei assumere argilla ventilata per depurarmi? e' compatibile con il farmaco che assumo?

giuseppe, lunedì 16 marzo 2015 alle18:13 ha scritto: rispondi »

Salve sono appena iscritto. Volevo chiedere se l argilla verde super ventilata posso usarla anche per via interna grazie

rosi, venerdì 6 febbraio 2015 alle21:15 ha scritto: rispondi »

Salve.sto prendendo omeprazolo da una settimana x problemi di stomaco che vorrei gradatamente sostituire con argilla verde ventilata.Posso prendere entrambi x qualche giorno?Al mattino prendo semi di lino lasciati in ammollo tutta la notte , li trovo ottimi per abbassare il colesterolo. Devo smettere o non interagiscono fra loro? Grazie mille

Lascia un commento