La depressione post partum è un disturbo che colpisce molte donne che hanno appena partorito, ma non tutte. Viene chiamata anche baby blues, per via del fatto che alcuni la imputano al distacco psicologico rappresentato dall’uscita del bambino dall’utero e il taglio del cordone ombelicale che ha legato la madre al figlio per ben nove mesi. In realtà, la depressione post partum si fonda anche su una spiegazione scientifica: immediatamente dopo la gravidanza, i livelli di ormoni si modificano, anche perché le necessità della donna, dopo il parto, non sono più le stesse. Così l’organismo abbassa i livelli di estrogeni e progestinici, ma come questi livello variano da donna a donna anche il livello di depressione post partum può essere più o meno grave, ma solo in casi limite con una bassissima percentuale.

Nei casi più gravi, la depressione post partum necessita di terapie mediche adeguate, psicologiche e talvolta psichiatriche, tuttavia, nelle sue forme più lievi i disturbi possono essere contrastati con i rimedi naturali e delle buone abitudini salutiste, che consentono alla donna di “rimettersi”, nel senso di voltare pagina, dalla gravidanza presto e bene.

Buone abitudini

Certo, ogni neomamma ha moltissime cose da fare, ma ha bisogno soprattutto di stare bene e di non perdere né sonno né riposo. In questo si può ricevere aiuto dal proprio compagno, dai propri genitori o fratelli, se possibile. Chi è più fortunato economicamente, può pensare a qualcuno da assumere all’uopo. Per quanto riguarda l’alimentazione, ci si deve orientare verso cibi contenenti vitamina B12, contenuta nel pesce, nel fegato e nelle uova in particolar modo. Anche le altre vitamine del gruppo B devono essere prese in considerazione: molte sono contenute nella frutta secca, nei legumi e nei cereali.

Cure omeopatiche

Contattare un omeopata può essere una buona soluzione. Le erbe più diffuse per tisane e decotti che aiutino contro la depressione post partum sono arsenicum album, aurum metallicum, calcarea carbonica, pulsatilla e iperico. Per conciliare il sonno e riposare meglio vanno benissimo tutte quelle erbe che solitamente sono utilizzate contro l’insonnia e per il relax, come la melissa, la camomilla e la malva. Bene anche l’aromoterapia attraverso la diffusione di sostanze come lavanda o bergamotto. Alcune donne trovano efficace l’uso dei fiori di Bach.

15 ottobre 2013
Lascia un commento