Decreto Smart Road: via libera a digitalizzazione strade italiane

Il Ministro ai trasporti Graziano Delrio ha appena posto una firma al nuovo decreto Smart Road, un provvedimento di legge che renderà l’Italia al passo della Gran Bretagna sul fronte della digitalizzazione delle infrastrutture di trasporto, preparando il terreno anche alle auto senza conducente, che si guidano da sole.

=> Leggi di più sulle smart city

Il provvedimento dedicato alla Smart Road è contenuto nella Legge di Bilancio 2018 ed è progettato per rendere la rete stradale nazionale al passo con i tempi, tempi in cui il digitale coinvolge ogni aspetto della vita delle persone e in cui dispositivi come un semplice smartphone possono fare la differenza in ogni situazione, anche su strada. Non solo: le auto che si guidano da sole popoleranno le strade del futuro e l’Italia si dimostra consapevole a riguardo, tanto che nel decreto si dà il via libera ai test per le auto a guida automatica.

=> Leggi di più sul decreto biometano

Poi, entro i prossimi anni (fino al 2030) strade e autostrade dovranno essere coperte dai servizi di connessione e hotspot Wi-Fi nelle aree di servizio e di parcheggio, insieme a un sistema che possa rivelare ai viaggiatori traffico e condizioni meteo anche con anticipo. Il Ministero dei trasporti spiega in un recente position paper che:

L’attenzione contemporanea all’infrastruttura e alla circolazione contribuirà anche a rendere la mobilità stradale “shock resistant”, qualità sempre più necessaria. Ne deriva che, le Smart Roads si caratterizzeranno, per tecnologie, funzioni e servizi che intervengono nella manutenzione e gestione dell’infrastruttura, migliorandone l’efficacia, diminuendo i costi nell’intero ciclo di vita e aumentando la resilienza.

Infine, in funzione delle informazioni raccolte sulle strade, sarà possibile di fornire alcuni servizi, in tempo reale, verso device di bordo o verso gli smartphone degli utenti. Un insieme di servizi ancora più vasto è possibile, a partire da soluzioni di navigazione predittiva per giungere a soluzioni di monitoraggio delle merci pericolose.

7 marzo 2018
Lascia un commento