Anche Legambiente si schiera contro i possibili aiuti di stato alle fonti fossili previsto da un emendamento alle Legge di Stabilità. Il provvedimento, sul quale è stata posta la fiducia (il Senato dovrebbe esprimersi proprio questa mattina) prevede un nuovo meccanismo di sostegno per alcune tipologie di impianti termoelettrici.

Una ipotesi contro la quale si sono già espresse diverse associazioni del mondo delle rinnovabili. Potrebbero essere infatti proprio le energie pulite a dover assicurare la copertura economica dei nuovi aiuti alle fonti fossili, mettendo a rischio migliaia di posti di lavoro.

Se la Legge Stabilità venisse approvata così com’è, osserva Legambiente, occorrerebbe aggiornare il conto sui sussidi diretti e indiretti alle fonti fossili, ritoccando al rialzo la cifra di 12 miliardi indicata dalla stessa associazione ambientalista (4,4 miliardi di sussidi diretti distribuiti ad autotrasportatori, centrali da fonti fossili e imprese energivore e 7,7 miliardi di sussidi indiretti tra finanziamenti per nuove strade e autostrade, sconti e regali per le trivellazioni).

Secondo il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, la misura andrebbe:

A totale discapito delle fonti rinnovabili, che potrebbero essere invece fondamentali per uno sviluppo occupazionale ed economico più equo e salutare per i cittadini e per l’ambiente.

Quello che sappiamo, ancora, è che ci si guarda bene, anche sta volta, dal dichiarare in modo trasparente a quanto ammonta e perché dobbiamo prevedere questo ulteriore sussidio per sostenere vecchie centrali inquinanti e grandi gruppi energetici che nulla hanno a che vedere con i veri interessi del Paese.

27 novembre 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
ANDREINO DRAGO, mercoledì 27 novembre 2013 alle16:37 ha scritto: rispondi »

abbiamo già ucciso il fotovoltaico, che se adeguatamente controllato, poteva essere sostegno anche alla pubbliche amministrazioni, che potevano finanziarsi almeno per quanto riguarda i consumi necessari alla P. I., ora cerchiamo di ostacolare anche il mini-idrico ed il mini-eolico, non facciamo nulla per incoraggiare gli impianti a biomasse, ove si possono realizzare....... cosa vogliamo fare ? lasciare sempre quanto esiste per accondiscendere sempre alle solite lobby ? questa è la nazione dove non si cambia mai...... la nazione dei "diritti acquisiti", ma non per tutti.... ribelliamoci una volta tanto..... A. DRAGO - SINDACO

Lascia un commento