Estate: tempo di sole, caldo e abiti leggeri. E di sandali e infradito, vero must modaiolo degli ultimi anni. Ma come fare per coniugare la voglia d’estate con l’attenzione all’ambiente, considerato come spesso queste calzature siano fabbricate in plastica o in gomma? La soluzione potrebbe arrivare dalla Spagna, con una nuova linea di sandali completamente ecosostenibili che hanno conquistato anche la famiglia reale.

Prodotti da Avarcas Riudavets, provengono dalla tradizione popolare di Minorca, a cui si aggiunge un’attenzione particolare per l’ambiente. I sandali sono infatti creati a partire da pelle e gomma al 100% riciclati, ovvero da sostanze recuperate dal rifiuto. Certo, la presenza della pelle potrebbe far storcere il naso agli animalisti convinti, ma il fatto che sia stata riutilizzata e non preveda l’uccisione di nuovi esemplari rende comunque dignità al prodotto.

La tradizione vuole che queste calzature siano nate per “tenere freschi i piedi degli isolani di Minorca”, ma hanno fatto presa sul mercato internazionale – e sugli istinti delle nuove generazioni fashion – grazie al loro look senza tempo. In un periodo storico dove il vintage la fa da padrone, non stupisce che siano andate letteralmente a ruba.

In questa sede, tuttavia, non è tanto il potenziale modaiolo a interessare, quanto la dimostrazione che – con un po’ di sapienza – anche la moda può rendersi amica dell’ambiente. Quando un prodotto è qualitativamente elevato – questi sandali sono completamente realizzati a mano – il consumatore non si pone il problema di indossare un abito o una calzatura di riciclo. Ciò che un tempo era disdicevole, ovvero indossare capi recuperati, è ora fattore di vanto per l’industria tessile e calzaturiera. E anche i grandi nomi sembrano essersene accorti, con numerose sperimentazioni per la creazione di materiali organici completamente compostabili, così come si è avuto modo di apprendere qualche settimana fa. Via libera quindi alla passione per le scarpe, anche in vacanza: oltre a sentirsi decisamente hip, si sarà consapevoli di aver fatto del bene all’ambiente.

7 luglio 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Patty, martedì 10 luglio 2012 alle10:47 ha scritto: rispondi »

ben venga ogni tipo di riciclo - soprattutto per quanto riguarda un settore così effimero (per quanto attraente) come quello della moda. E Viva Stella McCartney!

Lascia un commento