Due delle attuali regine del petrolio e del gas, la Libia e l’Arabia Saudita, hanno intenzione di coprire una quota sempre più alta dei propri consumi elettrici con le rinnovabili e, eventualmente, esportare energia pulita in Europa tramite l’Italia o la Spagna. Tutto questo entro pochi anni.

Sembra fantascienza ma, a quanto pare, non lo è affatto. La Libia a breve aprirà una gara d’appalto internazionale per la costruzione di due grossi impianti solari e, entro il 2020, mira a coprire il 20% dei suoi consumi con le rinnovabili. In gran parte solare termodinamico e fotovoltaico.

Tempi molto stretti, ma se la Libia non ha dalla sua la stabilità politica ha certamente una montagna di petrodollari utili a invogliare gli investimenti diretti esteri in rinnovabili. Ma quello che colpisce è la maturità energetica che sembra trapelare dalle parole dell’attuale ministro dell’Energia Ali Mohammed Muhairiq:

In 20 o 30 anni la Libia potrebbe restare a secco di petrolio, di conseguenza stiamo pensando di sostituirlo con le rinnovabili. La mia previsione è di raggiungere il 20% di elettricità da rinnovabili entro il 2020, principalmente da solare.

Se usassimo appena il 5% del deserto Libico potremmo coprire il consumo annuale dell’intera Europa.

E non è un’idea peregrina, visto che l’Arabia Saudita la pensa in maniera molto simile: investimenti massicci in rinnovabili solari per poi vendere l’elettricità all’Europa in inverno, quando da noi fotovoltaico e termodinamico sono bloccati dal clima. Elettricità che, attraverso il Nord Africa, arriverebbe in Italia e Spagna per poi essere distribuita nel resto del vecchio continente.

Ma Khalid Al Sulaiman, vice presidente del King Abdullah City for Atomic and Renewable Energy (KACARE), tiene a precisare che si tratta di un’idea, non ancora di un progetto:

Non è ancora un progetto, è una potenzialità. Deve essere esaminata a fondo da tutti. L’energia rinnovabile è quasi inesistente al momento in Arabia Saudita, con solo 10-11 MW di capacità installata nell’intero paese.

Ma la strategia energetica saudita è molto chiara e speculare a quella libica: il petrolio sta finendo e va sostituito con qualcos’altro. Rinnovabili e nucleare, nel caso saudita. E, infatti, l’Arabia ha annunciato due mesi fa l’intenzione di raggiungere i 24 GW di rinnovabili installate entro il 2020 per salire a 54 GW nel 2032.

Da notare, ed è significativo, che 54 GW sono anche l’obbiettivo della Germania per il fotovoltaico. Con una bella differenza di insolazione, però, e di potenza realmente generata: 54 GW di fotovoltaico in Germania producono molta meno energia elettrica di 54 GW in Arabia Saudita o in Libia.

Ecco, allora, l’idea di esportare l’elettricità verso paesi dal clima meno generoso. Il problema, però, sono i collegamenti elettrici: migliaia di chilometri di elettrodotti, con un’inevitabile perdita di efficienza. Investimenti paragonabili ai gasdotti e agli oleodotti.

Ma, la storia insegna, né la Libia né l’Arabia Saudita si sono fatte mai intimorire dalla grandezza di un progetto energetico.

15 aprile 2013
In questa pagina si parla di:
gas
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento