Il freddo potrebbe rivelarsi un alleato naturale contro il grasso corporeo. Le basse temperature favorirebbero la trasformazione dei grassi cattivi in grassi buoni, in accordo a quanto pubblicato online dai ricercatori della University of Kentucky School of Medicine sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism.

Lo studio sugli effetti del freddo sul “giro vita” è stato condotto su 55 partecipanti, il cui grasso localizzato sulla pancia è stato analizzato dai ricercatori sia in estate che in inverno. Un’altra fase del test ha previsto un analogo prelievo da ulteriori 16 soggetti, dopo che questi avevano tenuto sulla zona un blocco ghiacciato per 30 minuti.

Dalle analisi di laboratorio risulterebbe come il grasso prelevato in inverno mostrerebbe la presenza di due indicatori del grasso marrone, bruciato dall’organismo in seguito all’attività fisica, non presenti nei campioni estivi. Nei prelievi provenienti dai soggetti sottoposti all’applicazione di un blocco ghiacciato il numero degli indicatori presenti risulterebbe anche maggiore, pari a tre.

Malgrado gli effetti sembrerebbero ridursi in caso di persone particolarmente sovrappeso, secondo il Dr. Philip Kern, autore principale dello studio, il freddo potrebbe rappresentare in ogni caso una possibile arma nella lotta contro l’obesità:

Abbiamo voluto investigare se gli esseri umani adulti possiedano l’abilità di trasformare alcuni depositi di grasso bianco in grasso marrone quando esposti al freddo.

Rendere marroni i tessuti grassi rappresenterebbe un’eccellente difesa contro l’obesità. Si tradurrebbe nel bruciare più calorie dal parte del corpo rispetto al convertirle in tessuto grasso addizionale per l’organismo.

13 ottobre 2014
Fonte:
Lascia un commento