Trovare un punto di unione tra una vecchia Volkswagen Karmann Ghia, la propulsione elettrica e i moderni social network non è così semplice, eppure c’è chi, come un gruppo di studenti americani, è riuscito a unire questi tre elementi dando vita a un progetto tanto interessante quanto assolutamente originale.

Grazie all’aiuto dell’organizzazione non-profit MindDrive, un gruppo di studenti di Kansas City è riuscito infatti a convertire una Karmann Ghia in modo che possa funzionare mediante energia elettrica, usando come fonte per la ricarica niente meno che le operazioni online compiute dagli utenti dei social network, ovvero i classici click sui “Mi Piace” di Facebook, i tweet postati su Twitter, i video seguiti su YouTube e ogni altra azione di condivisione e pubblicazione di contenuti entrate ormai nella quotidianità di milioni di internauti nel mondo.

Ogni volta che un utente attiverà un hashtag o una funzione collegata al progetto, la Volkswagen Karmann Ghia elettrica riceverà una scossa di energia, che sarà inviata direttamente agli accumulatori presenti a bordo in modo da poter essere poi utilizzata per la propulsione. I responsabili dell’idea parlano di “Social Watts” per indicare questo particolare “carburante”, assicurando di aver già raggiunto al momento ben 147.580 scosse di ricarica.

Il sistema, che non si basa chiaramente su una correlazione fisica tra i click degli utenti e la ricarica a piccole dosi della vettura, intende essere da stimolo per sensibilizzare il pubblico alle soluzioni di mobilità alternativa, attirando così l’attenzione di una parte del grosso pubblico che si riversa ogni giorno sui social network. Al progetto di MindDrive hanno preso parte anche dei giovani abitanti in quartieri a rischio di Kansas City per i quali un simile impegno potrebbe anche essere un’occasione di riscatto sociale.

Ogni azione sui social network ha un peso specifico ben preciso, partendo da un “Mi Piace” su Facebook, che assicura un Social Watts, per finire ai dieci Social Watts assicurati dall’adesione a una petizione rivolta all’amministrazione Obama con cui si chiedono maggiori fondi per le organizzazioni non-profit come MindDrive, mentre diventare follower su Twitter fornisce alla Karmann Ghia cinque Social Watts.

Il prossimo passaggio a cui aspira il team è quella di ricaricare la Karmann Ghia così da effettuare un viaggio di una settimana da Kansas City a Washington DC, nella speranza che lo sbarco nella capitale possa aumentare ancora di più la visibilità mediatica dell’intero progetto.

29 maggio 2013
Fonte:
Lascia un commento