Il curry è una sapiente miscela di aromi e spezie di origine indiana, lavorate al mortaio per ottenere una polvere finissima dal colore giallo ocra. La sua è una profumazione intensa, pungente, inebriante e può cambiare leggermente da zona a zona. Solo all’interno dell’India il curry, che prende il nome di Masala, può contare decine di varianti differenti.

Infatti la sua composizione è data dalla mescola sapiente di varie spezie, e spesso affidata a esperti in materia. Questa è una prerogativa della classe agiata indiana, che può avvalersi di molti professionisti per gustare Masala di grandissima qualità. I più rinomati sono il Garam Masala, diffuso in India e Pakistan, che è composto da una percentuale di spezie molto piccanti tanto da guadagnarsi il significato di miscela bollente. Si aggiunge a fine cottura e comprende peperoncino, aglio, polvere di zenzero, sesamo, semi di senape, finocchio e altre spezie tostate e lavorate al mortaio.

>>Scopri delle ricette facili con il curry

La seconda miscela di chiama Tandoori Masala e prende il nome dal tandoor, cioè il tradizionale forno cilindrico in terracotta. Il mix è utilizzato prevalentemente per le carni ed è composto da pepe di Cayenna, coriandolo, chiodi di garofano, aglio, cardamomo, fieno greco, cannella, pimento, cipolla e zenzero. Ovviamente si avvale della presenza di un piccolo quantitativo di Masala, ma il gusto è più leggero anche perché solitamente mescolato con lo yogurt. In uso in India e in Pakistan, viene impiegato con successo anche nella cucina afghana.

Il curry che arriva fino a noi, o meglio la ricetta classica, è composto da una mistura di pepe nero, cumino, coriandolo, cannella, curcuma, chiodi di garofano, zenzero, noce moscata, fieno greco e peperoncino. Diffuso nel Sud dell’Asia, in Thailandia, a Singapore, Malacca, in Giappone e Cina, la polvere preziosa ha moltissimi impieghi. Grazie al suo alto contenuto calorico e nutritivo, con un basso apporto di grassi, è l’ideale per condire senza appesantire.

È molto indicato nelle diete perché fornisce un senso di sazietà, ma al contempo il giusto nutrimento. Contempla la presenza di fibre, carboidrati, calcio, fosforo e Vitamina A. Contiene un quantitativo elevato di Vitamina B3, Vitamina E, K, J, Beta carotene e folati, ma è privo di colesterolo e con un basso quantitativo di grassi.

9 luglio 2013
Lascia un commento