Curcuma: un rimedio naturale contro demenza e depressione

La curcuma potrebbe essere un valido rimedio naturale per contrastare la demenza e la depressione. A sostenerlo sono i ricercatori dell’Università della California di Los Angeles, che hanno pubblicato un apposito studio sull’American Journal of Geriatric Psychiatry.

A fornire questi effetti benefici è la curcumina, un composto presente in questa spezia, che secondo la scienza dà la possibilità di migliorare la memoria e di combattere la depressione. In particolare è stato visto che la curcumina presente nella curcuma sarebbe capace di ridurre l’accumulo di proteine nelle aree del nostro cervello che sono collegate proprio alla memoria e alle emozioni.

=> Scopri 3 rimedi naturali contro il declino mentale

È risaputo infatti che esiste un collegamento tra alcune malattie, come l’Alzheimer, e l’accumulo di placche proteiche nel cervello umano. Un ruolo fondamentale è svolto dall’infiammazione, un processo strettamente correlato con lo sviluppo della demenza e della depressione.

Lo studio è stato condotto grazie alla collaborazione di 40 partecipanti, con un’età compresa tra 50 e 90 anni. Alcuni soggetti dicevano di soffrire di problemi di memoria. Nel corso della ricerca i volontari hanno assunto due volte al giorno 90 mg di curcumina oppure un placebo, per una durata complessiva dello studio di 18 mesi.

=> Leggi i consigli per un cervello sano e reattivo

Nel corso dell’analisi gli studiosi hanno effettuato un monitoraggio costante del ritmo cardiaco dei soggetti e sono stati considerati anche il benessere generale di ogni partecipante e la funzione tiroidea. Si è visto che grazie all’assunzione di curcumina in 18 mesi la memoria dei volontari è stata aumentata del 28%, con effetti evidenti anche sulle capacità di concentrazione.

Gary Small, autore dello studio, ha sottolineato gli effetti positivi della curcumina contenuta nella curcuma, che attualmente viene impiegata come un aiuto naturale contro alcuni disturbi, come le patologie cardiache e l’artrite. Il ricercatore ha spiegato:

Questi risultati suggeriscono che l’assunzione di questa forma relativamente sicura di curcumina potrebbe fornire benefici cognitivi significativi nel corso degli anni.

29 gennaio 2018
Immagini:
Lascia un commento