Curcuma: contro il dolore più efficace di paracetamolo e ibuprofene

La curcuma sarebbe un ottimo rimedio naturale per alleviare il dolore in caso di infortuni nello sport. Avrebbe un’efficacia maggiore rispetto ai più comuni antidolorifici, come il paracetamolo o l’ibuprofene.

A sostenere questi particolari effetti della curcuma è uno studio condotto dalla società farmaceutica milanese Velleja Research. È stato visto che nel corso di tre settimane assumere curcumina, un componente chiave della spezia indiana, allevia il dolore di giocatori di rugby feriti, come avviene con una cura a base di ibuprofene o di paracetamolo, ma in assenza di effetti collaterali.

=> Leggi quali sono i benefici della curcuma contro demenza e depressione

Gli studiosi sostengono che la curcumina può portare numerosi benefici anche a chi soffre di condizioni infiammatorie, come l’artrite, evitando complicazioni associate a diversi trattamenti farmacologici esistenti. Il componente della curcuma è stato utilizzato anche come rimedio a base di erbe per alcune malattie cardiache.

Il dottor Francesco Di Pierro, autore dello studio, ha messo in evidenza le numerose possibilità offerte dalla curcuma nel trattamento di alcuni disturbi. Lo studioso ha dichiarato:

Questo studio suggerisce che un prodotto a base di curcumina, derivato naturalmente, potrebbe rappresentare un promettente rimedio analgesico sicuro in condizioni dolorose osteo-muscolari associate ad intense attività fisiche.

=> Scopri perché la curcuma è utile per combattere l’osteoporosi

Solo uno dei soggetti trattati con questo rimedio naturale ha manifestato degli effetti collaterali, mentre altri pazienti sottoposti ad una cura con analgesici convenzionali hanno notato la presenza di dolore gastrico. Si è visto anche che chi assume curcumina ha maggiori probabilità di attenersi al trattamento.

La ricerca si è svolta analizzando le condizioni di salute di 50 giocatori di rugby, che soffrivano di problemi muscolari a causa di incidenti. A metà dei soggetti è stato somministrato un integratore contenente estratto di curcumina. Gli altri hanno preso degli antidolorifici comuni. I ricercatori hanno analizzati regolarmente per 20 giorni lo stato fisico degli sportivi, per valutare il miglioramento dei sintomi.

23 febbraio 2018
Lascia un commento