Aver cura della salute del proprio cane è un’esigenza fondamentale, sia per il suo benessere che per il vostro. Un animale non curato è un essere trascurato, che potrebbe soffrire e vivere male in vostra compagnia. Per questo è importante seguire il corso stagionale delle vaccinazioni e, se possibile, occuparsi anche della sua pulizia personale. Che sia un lavaggio casalingo o presso una toelettatura ufficiale, non dimenticate anche di far spuntare le sue unghie.

Tendenzialmente andrebbero accorciate due volte al mese, con gli appositi tronchesini per cani, ma se non siete pratici è bene affidarsi alle mani di un esperto. Non sempre è facile individuare la parte reale da tagliare, senza infliggere dolore a quella che in gergo è chiamata parte viva. Utile invece che l’unghia venga accorciata per non risultare fonte di problema a contatto con tessuti, mobili e mani. Inoltre un’unghia non tagliata a dovere può crescere in modo impressionante, provocando all’animale dolore e infezioni. Solitamente l’utilizzo accorcia la lunghezza, ovvero un cane che cammina tanto tende a limare automaticamente l’unghia.

Ma spesso, nonostante lunghe e infinite passeggiate, questo non avviene. Si richiede quindi un intervento diretto che possa aiutare il cane stesso, magari abituandolo sin dalla più tenera età. In mancanza di un toelettatore ufficiale è possibile effettuare il taglio avendo cura di procedere con cautela, senza spaventare Fido. Se l’animale è terrorizzato da oggetti sconosciuti è utile farlo sedere accanto a voi e, coccolandolo e parlandogli con un tono tranquillo, sollevare delicatamente una sua zampa. Invece se il cane è di piccola taglia è meglio tenerlo in braccio.

Tagliate con cautela un’unghia per volta, così da testare la reazione. Non recidete o ferite la parte viva, cioè quella ricca di terminazioni nervose e vasi sanguigni, che corrisponde alla parte più scura. Se il cane possiede unghie e manto nero, per non rischiare, tagliate fino al punto in cui l’unghia accenna la curvatura. Se dovesse succedere l’irreparabile, tranquillizzatelo con coccole e parole dolci. Quindi tamponate la piccola ferita con un bastoncino di cotone e polvere emostatica, che premerete sulla parte per almeno 20 secondi.

2 gennaio 2014
Lascia un commento