Il cuore di palma, detto anche palmito, rappresenta un alimento vegetale molto apprezzato per le sue proprietà sazianti e l’apporto calorico limitato, sebbene la sua presenza sulla tavola degli italiani sia ancora esigua. Si ricava dalla parte interna del tronco di alcune piante specifiche, come il cocco, l’açaì, il babaçu, la juçara e il chontaduro.

La produzione di palmito riguarda soprattutto i paesi del Sudamerica, prevalentemente Brasile ed Ecuador. A essere lavorate sono specialmente piante che hanno superato i 15 anni di età: il loro “midollo” viene trattato a lungo e poi sottoposto a bollitura in acqua con aggiunta di sale e limone. Successivamente è conservato in vasetti pronto da utilizzare.

=> Scopri insalate e condimenti raw per l’estate


Del cuore di palma vengono apprezzate soprattutto alcune caratteristiche legate alla sua versatilità, tanto che può essere usato come ingrediente per arricchire piatti sia caldi sia freddi, così come al suo potenziale nutritivo caratterizzato da fibre e sali minerali che lo rendono adatto alle diete dimagranti.

Qualità nutrizionali

Le qualità nutrizionali del palmito sono numerose. Dal punto di vista vitaminico, la presenza di folati si rivela preziosa per la produzione di globuli rossi e la prevenzione delle anemie, sebbene anche i livelli di vitamina A e vitamina C siano in grado di portare benefici a chi consuma questo alimento. Poveri di grassi, i cuori di palma vantano un contenuto a base prevalentemente di carboidrati e in misura minore proteine, mentre l’apporto calorico è limitato: 115 calorie per 100 grammi di prodotto.

=> Scopri le insalate per l’estate


Per quanto riguarda i sali minerali, il palmito contiene fosforo e calcio in abbondanza oltre a una buona dose di potassio. Sono presenti anche selenio, rame e manganese.

Ricette

I cuori di palma, semplicemente tagliati a fette, possono essere aggiunti alle insalate composte da qualsiasi tipo di verdura: il loro gusto si sposa bene con le foglie di lattuga, songino, valeriana, indivia, ma anche con i peperoni, l’arancio e la mela verde, che vengono spesso usati nei piatti salati.

Per condire un’insalata composta anche solo da palmito affettato, ad esempio, è possibile realizzare una semplice emulsione a base di succo d’arancio, olio e zafferano in polvere. Chi non segue una dieta vegetariana o vegana, può provare l’abbinamento tra i cuori cuori di palma e i gamberetti lessati, ottimo da condire con una classica maionese.

Un ottimo piatto unico, sostanzioso e saporito, può essere preparato unendo i cuori di palma tagliati a fette con i fagioli di soia lessati ed eventualmente un’insalata verde a piacere, da condire con una salsa composta da olio, aceto e pepe.

=> Scopri l’insalata di farro come piatto unico


Per quanto riguarda i primi piatti, le rondelle sottili di palmito arricchiscono e danno gusto alle insalate di riso e alla pasta fredda. C’è anche la possibilità di gustarli caldi, realizzando una teglia di cuori di palma gratinati al forno: è sufficiente disporre il palmito a fette in una pirofila imburrata e ricoprire con salsa besciamella e formaggio grana gratuggiato, oppure con una crema composta da formaggio spalmabile e brodo vegetale. La cottura in forno, a 180 gradi, deve durare circa mezzora.

20 luglio 2017
Lascia un commento