Cucciolo di Pit Bull inseparabile guida per il fratello cieco

Una storia toccante quella di Jermaine e Jeffrey, due cuccioli fratelli di razza simil Pit Bull recuperati a sei mesi mentre vagavano per le strade di Philadelphia. Sin da subito i due sono apparsi uniti da un legame forte e inscindibile, dato sottolineato anche dall’evidente cecità di Jeffrey sopperita dalla guida del fratello Jermaine. I due non si dividono mai, camminano in sincrono sempre insieme come un unico corpo. A prendersi cura dei due cani è ora l’associazione Operation Ava, una struttura che funge da rifugio per tutte le anime sole e che non pratica l’eutanasia sui randagi.

Uno dei pochi canili americani dove il recupero di un randagio spesso coincide con la sua sponsorizzazione verso l’adozione. È stato il personale del rifugio a notare l’incredibile empatia e simbiosi tra i due cani e la conseguente esigenza di non separali. Jeffrey, ora di otto mesi come il fratello, si affida completamente alla guida di Jermaine che lo conduce con estrema sicurezza in ogni spazio.

Le titubanze iniziali prodotte da un luogo non familiare lasciano subito il passo alla serenità, e il fratello cieco si rilassa e si gode la rinnovata indipendenza, magari girando con calma per la stanza. Per loro quindi si cerca un’adozione di coppia, perché è impensabile separarli o dividerli. A stimolare la curiosità del pubblico è stata una loro foto durante il sonno, i due dormono completamente abbracciati e stretti sulla stessa brandina. La foto pubblicata dal gruppo Chester County SPCA ha scatenato l’interesse, risultando condivisa per 67.000 volte.

L’associazione che li ha in cura attende un’ondata di visite, unico modo per conoscere i due cuccioli dal vivo e stabilire un contatto diretto. Jermaine e Jeffrey godono di ottima salute, presto cresceranno raggiungendo i quasi 23 chilogrammi. Per loro si spera in un futuro sereno e condiviso, sollecitato anche da un anonimo donatore che ha pagato la tassa per l’adozione favorendo così l’adozione di coppia.

19 novembre 2013
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento