La visita annuale di Lek Chailert, fondatore dell’Elephant Nature Park, presso un centro asiatico ha permesso il salvataggio di un piccolo di elefante. L’animale era ospite di un orfanotrofio per cuccioli situato nei pressi del Myanmar: l’esemplare era affetto da denutrizione evidente, tanto da apparire scheletrico. Il cucciolo di tre mesi, di nome Eyeyarmay, viveva in compagnia di altri due elefantini: Yuyu, di sette mesi, e Mary di quattro. La situazione è apparsa complessa sin dall’inizio: i tre erano deperiti, in particolare il più piccolo. Non conoscendo il loro passato, il perché dell’assenza delle rispettive madri, l’uomo ha deciso di prestare soccorso e sostegno alla struttura.

L’orfanotrofio è uno spazio nuovo e non può contare su fondi cospicui, per questo lo staff spesso arranca nonostante le buone intenzioni. Gli elefanti sono animali molto importanti nel sud-est asiatico, la loro delicata presenza è sempre a rischio estinzione. Le associazioni e le strutture lavorano con fatica per preservarne il benessere e garantirgli la cura.

=> Scopri l’orfanotrofio per elefanti abbandonati


Nello specifico, l’orfanotrofio spesso si è trovato senza fondi e, per nutrire i piccoli, ha fatto ricorso al latte di mucca. Una bevanda non particolarmente idonea per i cuccioli di elefante, che ha provocato loro dissenteria e altre problematiche simili. Ma, dopo l’interessamento di Chailert, le condizioni del cucciolo sono migliorate.

=> Scopri i rischi d’estinzione per gli elefanti


L’appello lanciato attraverso la sua pagina Facebook ha permesso il recupero di fondi e donazioni, utili per l’acquisto di cibo idoneo per i piccoli. Un gesto importante che gli utenti possono effettuare direttamente, comprando il latte attraverso un sito internet canadese specializzato in questo tipo di alimento. Piccoli gesti, ma fondamentali, per il benessere di Eyeyarmay, che potrà recuperare presto peso, forza ed energie. Chailert ogni anno presta il suo supporto e fornisce la consulenza a questi piccoli santuari/orfanotrofi, consentendogli di crescere forti e maggiormente autonomi. Nonché in grado di provvedere al benessere degli animali accolti e curati con amore.

30 marzo 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento