Cucciolo di bradipo cerca un nome

Tutti pazzi per il baby bradipo. È quello che è accaduto al National Acquarium di Baltimora dove ad agosto è nata una cucciola di bradipo didatilo, specie diffusa nella foresta pluviale sudamericana. La piccola ha subito catturato l’interesse e l’attenzione dei visitatori, così da spingere l’acquario a creare un concorso per la scelta del nome. Il contest si è svolto online e svelerà il nome a breve.

Tra le proposte con voto online c’erano: Iris, Camden, Waylay, Izzy e Luna. Il primo nome per il bradipo richiama l’omonimo fiore, il secondo invece è stato scelto in onore del luogo in cui è nata, oltre che un piccolo tributo alla squadra di baseball del posto. Waylay è stato proposto per indicare la sorpresa di mamma Ivy di fronte alla nascita della primogenita, quindi Izzy scelto dagli scolari della Frederick County Public Schools. Infine Luna versione latina dell’omonima ma inglese Moon.

Ancora pochi giorni e la piccola potrà ricevere un nome adeguato al suo simpatico musetto. Nel frattempo sonnecchia tra le braccia amorevoli della madre, lei stessa impegnata a riposare. Del resto il sonno e la lentezza sono due biglietti da visita caratterizzanti l’atteggiamento dei bradipi. Quasi un marchio di fabbrica che li distingue da tutte le altre specie.

Il loro comportamento sonnacchioso e il loro carattere pacifico li rende irresistibili agli occhi degli amanti degli animali. Ma questa attitudine alla lentezza spesso mette in pericolo la loro vita, come accade in Costa Rica dove è stato creato un santuario per la loro cura. Il luogo è un ricovero e un ospedale dove volontari e veterinari salvano e crescono i cuccioli rimasti orfani. Le madri spesso cadono vittime del traffico, perché troppo lente per attraversare le strade stracolme di auto.

14 novembre 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento