In Costa Rica gli animali in pericolo, feriti oppure confiscati e quindi strappati a una condizione di disagio, vengono accolti dal Toucan Rescue Ranch, una sorta di santuario dedicato alla cura e al benessere di questi esemplari fragili. Lo scopo della struttura è quello di seguire il percorso di guarigione per poi, quando possibile, immettere nuovamente gli animali in natura. All’interno del rifugio trovano ospitalità molte tipologie differenti, a partire dai tucano da cui ha preso il via nel 2004 tutta l’operazione, fino ad altri uccelli tra cui i gufi e altri animali selvatici. Nel 2007 è stato accolto il primo cucciolo di bradipo Millie: da quel momento il Ranch è diventato una sorta di orfanotrofio per piccoli senza madre.

I cuccioli vengono recuperati ormai soli e senza più il supporto della madre, uccisa dal passaggio di un auto oppure da un cane o divenuta preda di qualche altro animale. Una volta giunti al ranch vengono accuditi e coordinati nella crescita, sia attraverso il cibo che l’interazione con altri loro simili. E proprio all’interno del rifugio i bradipi muovono letteralmente i primi passi, utilizzando una sedia a dondolo come luogo dove imparare a dondolarsi e arrampicarsi. Questi pacifici e delicati animaletti si muovono in modo lento, tranquillo e passano quasi tutto il tempo a dormire.

Il dondolio naturale della seggiola li aiuta a mantenere l’equilibrio, a sperimentare l’arrampicata sfruttando le proprie forze. Replicando così la tipologia di movimenti che, un giorno, dovranno sperimentare sulla cima di un albero. Per loro è un’esperienza fondamentale, perché possono così testare le loro capacità fisiche e di coordinazione. Il movimento tranquillo della sedia non altera la loro fisicità, anzi l’oscillazione è minima e i piccoli possono scalare la struttura con serena lentezza. Lo spazio diventa anche luogo di relax e riposo, ma anche zona dove giocare e anche affrontare i propri simili. La sedia a dondolo è quindi un luogo ricreativo, di crescita che permette allo staff del santuario di osservare i miglioramenti e i progressi dei singoli cuccioli.

7 dicembre 2015
Fonte:
Lascia un commento