Non è mai troppo presto per educare un cane all’ascolto e all’uso del guinzaglio, per questo coinvolgerlo fin da cucciolo potrà risultare utilissimo. Indispensabile avviare il programma educativo in modo calmo, sereno e senza fretta. Ogni cane possiede tempistiche diverse, con necessità e capacità differenti, quindi il processo di apprendimento potrà rivelarsi lungo. Il guinzaglio e la pettorina sono per l’animale articoli nuovi e curiosi. Ma indossarli potrà rivelarsi un’esperienza fastidiosa e coercitiva, non particolarmente gradita al nostro piccolo.

Per rinforzare positivamente il gesto è bene fargli indossare il tutto durante i momenti che più ama: il pasto oppure il gioco. Per i primi tempi evitate di chiudere completamente i lacci e lasciate morbida l’attrezzatura, distraendo il cane con un biscotto. Successivamente la pratica del rinforzo positivo andrà proseguita anche all’esterno, durante la passeggiata, così da impugnare il guinzaglio con un mano e il biscotto con l’altra. Aggiungete comandi precisi come “andiamo”, che il cucciolo potrà abbinare al gesto. Il gioco potrà aiutarvi nel convincere il piccolo al guinzaglio, distraendolo e impegnandolo l’animale risulterà più docile durante l’utilizzo del collare.

L’attrezzatura più adatta

Cucciolo

Puppy guarding stuff via Shutterstock

Collare o pettorina? Meglio scegliere un articolo resistente ma non soffocante, che consenta il libero movimento ma anche il controllo. I primi tempi l’animale tenderà a rifiutare la novità, dimostrando la sua ribellione attraverso salti, capriole e tirando forsennatamente. Meglio evitare rimproveri o strattoni, per i primi periodi potrà risultare utile seguire il suo passo senza ostacolarlo. Al contrario, nel caso non volesse muoversi, sarà più facile affascinarlo con un bocconcino. Dopo un primo periodo di rifiuti il cane asseconderà la scelta del guinzaglio senza problemi.

Nel caso la problematica proseguisse, risulterà necessario affiancare un esempio positivo, un cane piccolo ben educato con cui giocare che il cucciolo potrà associare alla presenza del collare. Dopo un breve periodo di interazione e gioco i due potranno passeggiare insieme, il vostro cucciolo lo seguirà dimenticando l’attrezzatura. Per la scelta migliore fatevi consigliare dal vostro commerciante di fiducia, preferendo un articolo morbido e di buona fattura, che non costringa il respiro del cucciolo oppure blocchi il collo o il torace. Il guinzaglio dovrà possedere gli stessi requisiti.

Trucchi e consigli

Un collare lungo tre metri, non avvolgibile, sarà la risposta giusta per i primi tempi così da consentire al cucciolo di muoversi e saltare. Utilizzate la passeggiata come valvola di sfogo, inserendola nel quotidiano, incentivando l’animale con piccoli premi. Il tutto dovrà svolgersi con estrema calma e serenità, lasciando il guinzaglio morbido. Nel caso il cane tirasse è bene fermasi e consentire a Fido di calmarsi, permettendogli di allentare la presa tornando sui suoi passi. Per i primissimi giorni utilizzate un nastro di stoffa leggera, al posto del collare, che potrete legare in modo soffice intorno al collo. Il gioco aiuterà a distrarlo dalla presenza del collare improvvisato, come i piccoli premi che potrete fornirgli a ogni azione corretta. Successivamente potrete unire un piccolo guinzaglio comodo, quindi attendere che Fido si incammini in modo autonomo così da seguirlo. Tutto dovrà risultare pacato, tranquillo e sereno, senza rimproveri e azioni violente.

25 settembre 2014
Lascia un commento