Un cruciverba per riscoprire le parole chiave della sostenibilità e aumentare la sensibilizzazione verso una cultura della tutela ambientale: è il Cruci Green, rivisitazione del classico gioco in chiave green, ideato da ReMedia, uno fra i principali consorzi per la gestione eco-sostenibile dei rifiuti tecnologici.

Il gioco, disponibile sulla pagina Facebook del Consorzio, è dedicato sia ai piccoli che ai più grandi: con un timer che segna quanto tempo l’utente impiega a trovare le parole, può essere condiviso sulle bacheche dei propri contatti.

Un metodo, quello del puzzle, per attirare la curiosità degli utenti, imparare giocando alcune parole fondamentali per la tutela dell’ambiente, o riscoprirne il significato, con una particolare attenzione per l’ambito dei rifiuti tecnologici.

ReMedia, che aveva già sperimentato il Cruci Green nell’ambito di “G Come Giocare!”, la fiera-evento organizzata dal Salone Internazionale del Giocattolo, è uno tra i principali Sistemi collettivi italiani no-profit, per la gestione eco-sostenibile di tutte le tipologie di RAEE, pile e accumulatori, impianti fotovoltaici.

Elettrodomestici, PC, telefonini, ma anche giochi elettronici e apparecchiature tecnologiche di vario tipo, che vengono usate nella vita quotidiana: una volta che hanno esaurito il proprio ciclo, devono essere smaltiti correttamente o recuperati se possibile.

Un argomento, quello dello smaltimento dei rifiuti elettronici, difficile da spiegare ai più piccoli: per questo motivo ReMedia organizza eventi iniziative che coinvolgano le giovani e giovanissime generazioni.

Nato nel 2005 dalla volontà di 44 aziende leader nel settore dell’elettronica di consumo e dell’ICT, il consorzio conta oggi oltre 1000 iscritti.

5 dicembre 2013
Lascia un commento