La crosta lattea è una forma di dermatite seborroica che si presenta frequentemente sulla testa (ma può comparire anche in altre parti del corpo) dei bambini molto piccoli. In realtà non se ne conosce con precisione la causa, ma dal momento che si manifesta nei primi mesi di vita, quando il bambino si nutre esclusivamente di latte, è stato ipotizzato un collegamento con l’alimentazione.

In pratica, la crosta lattea è formata da piccole squame di sebo di colore chiaro, untuose e coriacee, attaccate saldamente al cuoio capelluto del lattante. Dal punto di vista medico non è assolutamente necessario rimuoverla, ma per evitare che il bambino ne sia infastidito (e anche per ragioni estetiche), è possibile ricorrere a dei rimedi naturali per asportare delicatamente le squame.

Uno dei sistemi più semplici per rimuovere la crosta lattea consiste nell’uso di oli vegetali da applicare tamponando sulla cute. Si può usare, ad esempio, l’olio di mandorle dolci, relativamente leggero, oltre che emolliente e lenitivo. Vanno altrettanto bene anche l’olio di riso o di borragine, ma in mancanza d’altro è possibile ricorrere anche al semplice olio di oliva.

L’olio prescelto può essere arricchito con un po’ di infuso di camomilla appena tiepido o con qualche goccia di olio essenziale di calendula o di camomilla stessa. A questo punto è sufficiente massaggiare delicatamente l’area colpita dalla crosta lattea con un batuffolo di ovatta imbibito nell’olio, procedendo poi a un accurato risciacquo con acqua tiepida.

L’operazione può essere ripetuta, una volta al giorno, per diversi giorni consecutivi, eventualmente servendosi di appositi pettinini con denti arrotondati disponibili in commercio (anche se qualche mamma riferisce di recidive verificatesi in seguito all’uso del pettine).

In alternativa ai semplici oli vegetali è possibile usare anche dei detergenti ecobio a base oleosa. Per quanto riguarda infine i prodotti commerciali specificatamente dedicati alla rimozione della crosta lattea, è sempre meglio controllare l’INCI per verificare che non contengano ingredienti allergizzanti, inquinanti o troppo aggressivi.

14 febbraio 2014
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Pat, mercoledì 21 gennaio 2015 alle14:38 ha scritto: rispondi »

Il piccolo non ama farsi lavare la testolina

valeria, domenica 11 gennaio 2015 alle23:31 ha scritto: rispondi »

Ho un bambino di 3 mesi e vorrei e voglio usare Prodotti naturalii.

Lascia un commento