SMA Solar Technology, gruppo tedesco produttore di moduli solari, ha deciso di tagliare almeno 700 posti di lavoro entro la fine del 2014. Le mutate condizioni del mercato del fotovoltaico e il necessario periodo di consolidamento delle ultime innovazioni prodotte dall’azienda, hanno reso necessario il taglio, secondo quanto riporta Pv Tech.

Già a fine maggio il presidente del CdA Pierre-Pascal Urbon aveva annunciato la possibilità di una riduzione del personale con contratti a tempo indeterminato, negli stabilimenti in Germania. Adesso arriva la notizia ufficiale: i tagli agli incentivi in Europa, la crescita del mercato asiatico e le dispute Cina-Ue mettono in serio pericolo il futuro dell’azienda. Urbon ha spiegato:

Per la prima volta dopo molti anni, nel 2013, il mercato fotovoltaico mondiale si ridurrà. In un così breve spazio di tempo, non siamo in grado di compensare il forte calo delle vendite, quasi il 50% dal 2010, con le misure in corso per aumentare la produttività e il risparmio sui costi di solo materiale. Siamo quindi stati costretti a fare più cambiamenti del previsto e tagli di più ampia portata sulla nostra struttura del personale nei prossimi mesi.

Il principale mercato di SMA Solar, infatti, è l’Europa: l’azienda si sta dirigendo ora verso i mercato di Giappone e Cina, dove però ancora ha una posizione irrilevante. Inoltre, gli analisti della società tedesca, avevano già messo in conto la perdita di almeno 100 posti di lavoro nel corso di quest’anno, che si andranno a sommare ai tagli già pianificati, portando a quota 800 il numero definitivo dei lavoratori che saranno licenziati.

4 luglio 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento