La crisi del fotovoltaico non risparmia il gigante tedesco Siemens, che ha annunciato oggi la sua uscita da questo settore entro il 2014 per concentrarsi su eolico e idroelettrico. La divisione Solar & Hydro di Siemens, quindi, verrà ceduta con quasi tutti i suoi dipendenti e alcune delle sue attività passeranno alla divisione Energia.

Al momento sono circa 800, dei quali 200 attivi in Germania, e 680 di loro verranno ceduti al nuovo acquirente. Che ancora rimane sconosciuto, ma sono in molti a pensare che possa essere qualche grosso produttore asiatico.

La cessione della divisione solare dipende dalla profonda mutazione di questo mercato nell’ultimo anno: l’eccesso di produzione a livello globale ha ridotto all’osso i margini per le aziende facendo crollare i prezzi anche a causa di una contemporanea contrazione della domanda.

Siemens è oggi attiva sia nei pannelli fotovoltaici che nel fotovoltaico a concentrazione, con il quale quest’anno ha toccato il record di efficienza. Ma anche nel solare termico e termodinamico a concentrazione, il lato b della medaglia solare che dovrebbe decollare in Italia nei prossimi mesi. Siemens, infine, è attiva anche nella produzione di molti componenti elettrici necessari alla realizzazione degli impianti solari, ma queste ultime attività dovrebbero essere mantenute. Spiega Michael Süß, direttore dell’Energy Sector di Siemens:

Il mercato globale del solare a concentrazione si è ridotto da 4 GW a poco più di uno. In un ambiente del genere le compagnie specializzate saranno in grado di massimizzare i propri sforzi.

Ma, evidentemente, non può più farlo un gigante generalista come Siemens che, di conseguenza, abbandona quello che oggi è l’unico settore del solare che sembra avere qualche speranza. Al confronto l’eolico e l’idroelettrico sono due settori più sicuri e dove i tedeschi sono già leader indiscussi. Tanto che i lavoratori occupati nel settore eolico dell’azienda sono più di 7.000 e 2.000 quelli dell’idro.

Il settore energetico di Siemens, a partire dal 2014, sarà quindi composto dalle divizioni Fossil Power Generation (grandi centrali termoelettriche), Win Power, Oil & Gas (soluzioni e servizi per l’industria petrolifera e piccole e medie centrali termoelettriche) e Power Transmission.

22 ottobre 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento