Lo conoscono tutti come creme caramel o budino ma il suo nome tecnico è flan, si prepara facilmente e può essere presentato sia come dolce che nella sua variante salata. Il dolce trova posto a fine pasto, come prelibatezza delicata da gustare. Appare compatto, solido ma al cucchiaio morbido e le varianti sono tante per questo dessert particolare. Dalla ricetta vegetariana dal flan derivano appunto il crème caramel, i dolci bavaresi, la pannacotta, alcuni dolci in tazza come la Crema catalana e alcuni dolci in crosta.

L’origine del dolce vegetariano è molto remota, si fa risalire la sua presenza alla Roma imperiale e all’antica Grecia dove la variante salata era più diffusa. La distribuzione e fama successiva nel Medioevo interessò l’Europa, quindi in tempi recenti Usa e Sudamerica e l’utilizzo di stampi in rame ne determinò forma e decori. Il suo nome possiede un’origine antica e rimanda al significato di crema. La ricetta più semplice è quella del flan al caramello, o creme caramel, per realizzarla procuratevi:

  • 500 gr di latte di soia o di riso
  • 350 gr di zucchero di canna
  • 2 tuorli d’uovo
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia oppure due baccelli
  • 1 limone
  • 1 cucchiaino di fecola
  • acqua
  • stampi monodose
Crem caramel

Creme caramel with raspberries via Shutterstock

Grattugiate la scorza del limone e versatela in un pentolino con il latte e i baccelli di vaniglia incisi, quindi aggiungete 50 grammi di zucchero. Lasciate sobbollire mescolando, spegnete e coprite lasciando riposare per 20 minuti. In una ciotola capiente versate 100 gr di zucchero, i tuorli, l’estratto di vaniglia in assenza dei baccelli quindi la fecola, eventualmente anche un pizzico di sale. Unite lentamente il latte filtrato, amalgamate con cura e pazienza con l’aiuto di una frusta. Versate nuovamente nella pentola e scaldate per qualche minuto, sempre mixando il composto.

Preparate il caramello aggiungendo il resto dello zucchero in un pentolino con l’acqua, mescolate con un cucchiaio di legno fino a sciogliere il tutto. Dovrete ottenere un prodotto ambrato e leggermente consistente. Spegnete e disponete qualche cucchiaiata nel primo stampo, precedentemente inumidito con acqua, quindi muovetelo per distribuire il liquido sul fondo del supporto. Ripetete per ogni stampino (o formina) indossando i guanti da forno per evitare scottature. A seguire versate il composto del flan in ogni stampo. Disponete i singoli contenitori in forno sopra la teglia che avrete riempito con poca acqua, quindi procedete con la cottura a bagnomaria per 2 ore a 180°. In alternativa riponete i flan in frigorifero per 3 ore, dopo averli coperti con la pellicola trasparente. Quando saranno pronti sformateli nel piatto e serviteli con pezzetti di frutta fresca e zucchero a velo. Le varianti per creare il flan sono tante è possibile aggiungere cioccolato fondente, frutta fresca frullata, cocco in polvere e un pizzico di liquore.

14 maggio 2014
I vostri commenti
DarthA, domenica 17 gennaio 2016 alle18:45 ha scritto: rispondi »

Ho provato mettendo per diverse ore in frigo, ma non si è addensato nulla. Sicuri che la quantità di fecola sua corretta?

Lascia un commento