Carnevale è alle porte e in molti sentono il bisogno di trovare il costume giusto per i propri bambini o anche per se stessi. Il riciclo creativo può aiutare nel realizzare da sé l’abito perfetto. Ci sono alcuni materiali, infatti che sono particolarmente versatili, come i vecchi CD che non funzionano più e che possono essere cuciti insieme su un tubino per ottenere un abito da discomaniaca negli anni ’70, oppure dei vecchi sacchi di juta opportunamente puliti, un vecchio cappello e della paglia per diventare lo Spaventapasseri, il celebre personaggio de Il Mago di Oz. Ma il materiale più versatile di tutti è sicuramente la carta crespa, che abbonda nelle case delle persone che esercitano determinati mestieri, come fiorai o decoratori. A proposito di fiorai, la carta crespa è ottima per realizzare un costume da bouquet di fiori.

Questo costume, che si prepara attraverso il riciclo creativo, è carico di autoironia, per cui, se si è delle persone particolarmente timide o introverse, è sconsigliato. A meno che non si adotti il motto latino «Semel in anno licet insanire» (Una volta all’anno si può fare follie). E a Carnevale questo è il mood consigliato: tra l’altro, il riciclo creativo è sempre divertente, quindi lo spasso di Carnevale può iniziare fin dalla realizzazione del proprio abito. Qui di seguito come costruirlo.

SAM_4116

Materiali occorrenti:

  • Ritagli di carta crespa in diversi colori a scelta, tranne il verde
  • Un rotolo di carta crespa verde
  • Un nastro colorato (magari il vecchio fiocco a pois di un grembiule per la scuola o una cravatta a righe regimental che non si usa più)
  • Un cerchio di gommapiuma, il cui diametro deve essere pochi centimetri più lungo delle spalle di chi indosserà l’abito
  • Una pistola spara punti metallici
  • Un paio di forbici
  • Colla vinilica
  • Filo di cotone

DSC04917

Procedimento:

  • Ritagliare all’interno del cerchio di gommapiuma un cerchio interno che sia grande a sufficienza per far passare agevolmente la testa di chi indosserà il costume.
  • Arrotolare singolarmente i ritagli di carta crespa e fissarli intorno alla metà con il filo di cotone stretto ben bene, in modo che la carta non sfugga più o non si disfi. Allargare con le dita uno dei bordi della carta dal capo o, in modo da formare il singolo fiore come fosse una rosa. I fiori devono essere tanti in modo da ricoprire interamente la superficie della gommapiuma. Questa della formazione dei fiori è la parte più lunga della creazione del costume, per cui bisogna armarsi di pazienza, o magari farsi aiutare dai propri bambini eventualmente: si divertiranno da matti.
  • Con le forbici, si devono effettuare dei piccoli tagli sulla superficie della gommapiuma, in modo da infilarci lo stelo dei fiori e fissarlo con la colla vinilica. Per un colpo d’occhio migliore si devono sistemare i fiori in modo che non ce ne siano due contigui dello stesso colore.
  • Sistemare il rotolo di carta crespa verde, da un lato, intorno al cerchio esterno di gommapiuma. Per fissarlo, vanno utilizzati via via la colla vinilica e la pistola con i punti metallici. La parte inferiore del rotolo non deve essere arricciata per il momento, perché va fissata sulla persona desiderata.
  • Infilare quindi il costume semipronto sulla persona che lo indosserà, qualche minuto prima dell’occasione carnascialesca. È meglio che la persona in questione indossi una tuta monocromatica, meglio se nera, non importa di che stoffa sia fatta, l’importante è che tenga al caldo. Arricciare in vita il rotolo e sistemare il nastro o la cravatta scelta, in modo che il costume non si muova.
  • Allargare con le dita entrambi i capi del rotolo di carta crespa, in modo che abbia davvero l’aspetto di un mazzo di fiori.

3 febbraio 2014
Lascia un commento