Possedete un giardino o una piccola zona verde? Volete destinare uno spazio dell’area alle necessità del vostro cane, senza rovinare l’aspetto curato del vostro prato? Nulla di più semplice che creare una lettiera ad hoc per il vostro amico. Una mini toilette esterna che possa risultare utile per il cane di casa ma anche al vostro gatto, così da rendere meno traumatica l’uscita durante l’inverno. In particolare durante quelle giornate gelide, quando il tempo per sgambare è poco e solitamente concentrato nelle escursioni mattutine e serali. La presenza di una zona verde con lettiera potrebbe risultare molto utile.

La collocazione di una toieltte all’interno del giardino, di uno spazio dedicato ai bisogni fisiologici, potrebbe essere vincente. In questo modo il cane dedicherà la sua attenzione solo all’area prestabilita, senza marcare tutto lo spazio del prato. La zona circoscritta, da utilizzare ovviamente all’occorrenza, risulta utile e facile anche da pulire. Oltre a spostare i cattivi odori all’esterno, senza incidere all’interno delle mura domestiche. La lettiera dovrà però costituire uno spazio da utilizzare anche dal gatto in caso di emergenza, senza ridurre le occasioni di uscita con relativa passeggiata.

Lettiera per cani e gatti, come realizzarla

Cane prato

A highland terrier in a garden via Shutterstock

La zona dedicata alla lettiera può essere abbastanza limitata, circa 1×1 metri. Un riquadro di terreno da smuovere con la vanga per creare una piccola fossa, dove mescolare dei trucioli o della segatura. Possibile anche creare un quadrato scavandolo leggermente per eliminare almeno 5 cm di terriccio, per poi livellarlo con la vanga. All’interno disponete della ghiaia piccola, oppure come anticipato della segatura mista a trucioli di legno. Delimitate la zona con mattoni di tufo, di terracotta o calcestruzzo così da identificare lo spazio dedicato ai bisogni. Il cane potrà così sotterrare le feci, mentre i liquidi verranno assorbiti e smaltiti nel terreno. Per mantenere lo spazio pulito è bene rimuovere i bisogni soldi con una paletta, quindi cambiare con frequenza la ghiaia o la segnatura per rinfrescarla.

In alternativa è possibile inserire all’interno dello spazio una griglia con base in metallo dello stesso formato (o anche una vaschetta di plastica), così da raccogliere subito le feci e disperdere i liquidi. Una struttura in zinco potrà sembrare più igienica, quindi più leggera da sollevare e pulire. Si potrà inserire nel terreno creando una scanalatura perimetrale dove incastrarla, comprensiva di laccio che funga da maniglia per sollevarla all’occorrenza. La si potrà detergere con acqua eliminando lo sporco, senza aggredire la struttura di metallo con detergenti chimici come la candeggina che potrebbero risultare tossici per cani e gatti. Meglio prodotti di tipo naturale, ad esempio un mix di acqua calda e poco aceto, quindi risciacquando con cura.

Come utilizzare la lettiera esterna

La lettiera potrebbe risultare un oggetto misterioso per i vostri amici di casa, meglio abituarli gradualmente all’uso. Se l’animale si avvicina e la utilizza spontaneamente premiatelo con un bocconcino subito dopo. Se invece temporeggia nascondete tra la ghiaia o la segatura una piccola parte dei suoi bisogni, così da permettergli di individuare la provenienza marcando nuovamente lo spazio. Il premio dovrà seguire l’utilizzo per almeno una settimana, almeno fino a quando Fido e Fufi potranno prendere possesso meccanicamente della lettiera esterna.

14 luglio 2014
Lascia un commento