Cozze contaminate importate dalla Spagna: rischio Escherichia Coli

Cozze contaminate da Escherichia coli provenienti dalla Spagna sono appena state rintracciate dalle Autorità sanitarie italiane e dunque ritirate dal commercio lungo tutta la Penisola. A segnalare il pericolo è stato il sistema d’allerta europeo rapido per la sicurezza alimentare, ovvero il Rasff.

In giro per l’Italia vi erano dunque cozze vive contaminate dall’Escherichia Coli, batterio potenzialmente pericoloso che vive nelle acque inquinate da feci e che può causare diarrea e nei casi più gravi malattie intestinali ed extra-intestinali come infezioni del tratto urinario, meningite, peritonite, setticemia e polmonite.

=> Leggi caratteristiche e calorie delle cozze

Dato il rischio per i consumatori italiani, il Rasff ha immediatamente avvisato gli organismi di controllo e diramato un’allerta, che non riguarda solo la grande distribuzione e i supermercati, ma anche mercatini e pescherie. Dopo alcune analisi che hanno consentito di accertare la presenza del batterio nelle cozze spagnole sbarcate in Italia, è subito iniziato il ritiro di tali mitili dal mercato italiano, così da tutelare la salute delle persone.

=> Scopri di più sull’allerta microplastiche nell’acqua in bottiglia

Desta però preoccupazione il fatto che non si conosca con esattezza il quantitativo di lotti contaminati, come spiegato da Giovanni D’Agata, il presidente dei Diritti:

Purtroppo non si conoscono i lotti con cozze vive contaminate anche perché riguardano non solo la Grande distribuzione ma pescherie e mercati. […] Il consumo dei molluschi bivalvi è considerato uno dei principali responsabili di trasmissione all’uomo di diverse malattie d’origine batterica e virale nonché intossicazioni da enterobatteri.

Data l’informazione, la migliore misura preventiva rimane quella di evitare di mangiare assolutamente cozze vive o poco cotte acquistate di recente.

20 marzo 2018
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento