I coyote sono animali riservati e sfuggenti, che spesso non amano particolarmente l’interazione con l’uomo. Ma se un esemplare di questa famiglia cade vittima di una condizione di pericolo, l’uomo può intervenire in suo soccorso. Per questo la vicenda di un giovane rappresentante della categoria ha fatto il giro del web, catturando l’attenzione di molti utenti e media. L’animale è stato recuperato, ferito e dolorante, presso un campo da golf a Ottawa, in Canada. Probabilmente investito da un auto, ha riportato diverse fratture, ma la paura dell’uomo l’ha spinto a scappare da chi voleva aiutarlo. Dopo quasi tre giorni di instancabili ricerche, è stato intercettato e tratto in salvo, quindi condotto presso il Rideau Valle Wildlife Sanctuary. A una prima occhiata il piccolo è apparso molto sofferente, con una serie di fratture al bacino, quindi con poco pelo perché colpito da un’infezione da rogna.

Una vera condizione di disagio per l’animale, come confermato da Sarah Beauregard, coordinatrice del centro, che in quelle condizioni non avrebbe potuto superare il freddo del periodo. La sua situazione era davvero difficile, tanto che in pochi avrebbero scommesso sulla sua sopravvivenza. Ma grazie alle cure costanti e attente del team il coyote è ancora vivo e vegeto. E principalmente felice, come mostrano le foto che lo ritraggono dentro il box dove è in cura. Sul suo muso è presente un sorriso costante, vera gioia e tanta speranza. Durante il percorso di guarigione è emerso il suo animo allegro e fiducioso, una sorta di consapevolezza nei confronti dell’aiuto messo in atto da parte del team.

=> Scopri il coyote al centro commerciale


L’obiettivo è quello di accoglierlo fino a guarigione completa, cercando di interagire il meno possibile con lui. Per evitare che perda la sua indole selvaggia, in favore di un atteggiamento più domestico. Nel frattempo il team cerca per lui un nuovo nome, coinvolgendo tutti gli utenti della pagina Facebook cercando, per il suo bene, di non cedere alle avance del delicato sorriso del piccolo.

5 dicembre 2016
Fonte:
Lascia un commento