Costo delle analisi del sangue complete

Almeno una volta l’anno, ma anche con maggiore frequenza se consigliato dal medico, tutti dovrebbero effettuare le analisi del sangue per accertarsi del proprio stato di salute e per monitorare alcuni parametri che possono rappresentare campanelli d’allarme importanti da non trascurare. Evitando il fai da te, le analisi del sangue complete devono essere sempre prescritte dal medico ma esistono varie possibilità per sottoporsi al prelievo: ci si può rivolgere alle strutture locali del Sistema Sanitario Nazionale, ai laboratori di analisi convenzionati oppure ai laboratori privati, che non richiedono tassativamente la ricetta medica.

=> Scopri le nuove analisi del sangue per i tumori

Ovviamente, il costo delle analisi dipende essenzialmente dalla scelta della struttura, sebbene anche optando per una struttura pubblica le tariffe possono variare da Regione a Regione.

Costo delle analisi complete

Costo della analisi del sangue

In generale, in Italia la normativa vigente prevede che una ricetta medica possa contenere la prescrizione per un massimo di otto esami, mentre per ciascuna ricetta è previsto il pagamento di un ticket sanitario il cui importo si aggira intorno ai 10 euro. Per determinare un costo medio, quindi, è necessario conoscere nel dettaglio la spesa prevista per ogni singolo test e aggiungere a questa somma il costo delle ricette: solitamente le Aziende Sanitarie Locali pubblicano un tariffario specifico indicando un importo per ciascun tipo di analisi, quindi per stabilire una spesa media è necessario fare riferimento alle tariffe territoriali.

Lo stesso tipo di informazioni possono essere richieste presso i laboratori convenzionati o totalmente privati, dove spesso i costi possono essere inferiori proprio perché non vengono conteggiate le ricette mediche ai fini amministrativi ma si tiene semplicemente conto dell’elenco dei test da eseguire per rispettare le indicazioni del medico.

Esenzioni per gli esami del sangue

Il Sistema Sanitario Nazionale, inoltre, anche per eseguire alcune tipologie di analisi del sangue prevede una serie di esenzioni dal versamento del ticket a beneficio di alcune categorie di persone:

  • pazienti che superano o non hanno raggiunto una determinata soglia di età (sotto i 6 anni e sopra i 65) con reddito familiare che non supera un dato valore;
  • pazienti con malattie croniche o rare;
  • donne in gravidanza a partire dalla settima settimana;
  • persone con invalidità riconosciuta;
  • pazienti oncologici con patologie neoplastiche maligne o in attesa di trapianto d’organi.

Valori da monitorare

Analisi del sangue: costo degli esami ed esenzioni

Quali sono i parametri che rientrano nelle analisi del sangue complete? Senza dubbio l’emocromo per valutare tutto quello che riguarda l’emoglobina, i globuli rossi e i globuli bianchi, seguito dalla glicemia che consente di monitorare il metabolismo dei glucidi e la concentrazione degli zuccheri nel sangue.

=> Scopri la sideremia negli esami del sangue

Fanno parte dello screening completo anche la creatininemia, l’uricemia e l’azotemia così come l’albumina per tenere sotto controllo la funzionalità renale. Vi rientrano anche i test per monitorare la salute del fegato, tra cui la misurazione delle transaminasi e aspartato aminotransferasi (Ast, Got, Sgot), la bilirubina, la fosfatasi alcalina.

E ancora, le analisi complete devono monitorare il metabolismo lipidico: si controlla quindi il colesterolo totale, il colesterolo HDL e quello LDL così come i trigliceridi. Possono rientrare nel controllo completo anche i vari parametri relativi alla tiroide e al dosaggio degli ormoni TSH, FT4 e FT3. Infine, eventuali condizioni infiammatorie o alterazioni dovute a patologie in atto possono essere rilevate attraverso la VES (velocità di eritrosedimentazione) e la proteina C-reattiva.

18 luglio 2018
Immagini:
Lascia un commento