Correre rimedio anti-stress che aiuta la memoria

Correre come aiuto naturale per combattere la perdita di memoria causata dallo stress. A sostenerlo uno studio condotto dai ricercatori della Brigham Young University. Secondo gli esperti questo particolare tipo di esercizio fisico contrasterebbe i danni provocati all’ippocampo, l’area associata con la memoria e l’apprendimento, dalle tensioni accumulate durante la giornata. Tali effetti benefici deriverebbero dalla capacità, da parte della corsa, di indurre un rafforzamento dei segnali trasmessi all’interno del cervello.

Lo studio relativo al rapporto tra corsa e memoria è stato condotto su quattro gruppi di topi, sottoposti ciascuno a una diversa condizione: sedentari senza stress, sedentari con stress, attivi con stress e attivi senza stress. Il grado di influenza sulle capacità mnemoniche dei roditori è stato stabilito dai ricercatori in due differenti modi: nel primo caso ricorrendo all’elettrofisiologia e alla misurazione dell’LTP nel cervello dei piccoli animali; nel secondo sottoponendoli a una prova specifica (un labirinto).

=> Scopri come combattere lo stress da mancato riconoscimento lavorativo

Secondo gli esperti, in particolar modo riferendosi alla valutazione basato sul test del labirinto, i topi sottoposti a stress, ma fisicamente attivi hanno ottenuto gli stessi risultati di quelli attivi e non stressati. Al contrario entrambi i gruppi formati da topi sedentari hanno compiuto molti più errori rispetto ai roditori che si esercitavano.

=> Leggi quali sono i benefici della meditazione contro ansia e stress

Correre potrebbe quindi rivelarsi un’arma efficace per difendere la memoria e l’apprendimento dagli impatti negativi provocati dallo stress cronico, come sottolineato dall’autore principale dello studio, il prof. Jeff Edwards (PhD):

La condizione ideale per migliorare l’apprendimento e la memoria prevederebbe l’assenza di stress e la pratica di un’attività fisica. Certamente non possiamo sempre tenere sotto controllo lo stress nelle nostre vita, ma possiamo controllare il nostro livello di esercizio fisico.

20 febbraio 2018
Lascia un commento