Confermate le voci dei giorni scorsi: Corrado Clini è il nuovo ministro dell’Ambiente. Una scelta che sembra in linea sia con la volontà di un Governo puramente tecnico, così come nei fatti realizzato da Mario Monti, che con l’auspicio di una personalità con forte esperienza nel settore delle tematiche ambientali.

Smentite quindi le recenti indiscrezioni che volevano accorpato il ministero per le politiche ambientali a quelli di Sviluppo Economico e Infrastrutture sotto la guida di Corrado Passera. Accolto l’appello del WWF dei giorni scorsi, che nelle ultime ore avevamo fatto nostro auspicando una personalità più adatta rispetto all’amministratore delegato di Banca Intesa.

Come ricordiamo brevemente, Corrado Clini è Direttore presso il ministero dell’Ambiente dal 1990 ed ha quindi goduto negli anni della fiducia di governi appartenenti a vari schieramenti politici. Ha collaborato inoltre nel corso degli anni con l’Agenzia Europea dell’Ambiente e l’Onu: esperienza nel settore e prestigio internazionale.

Probabilmente la soluzione più indicata per un ministero che nei prossimi mesi si troverà a dover gestire nuove potenziali emergenze idrogeologiche, oltre ai tanto attesi e ormai non più rimandabili interventi per la messa in sicurezza del suolo italiano. Una personalità che ci auguriamo possa essere finalmente all’altezza di un ruolo, quello di ministro dell’Ambiente, nel corso degli anni sempre più ridimensionato e posto in second’ordine.

16 novembre 2011
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Kal El, mercoledì 4 gennaio 2012 alle10:58 ha scritto: rispondi »

@bb8392dddae12ecaa0aeab2076ee29b2:disqus Vantaggio scientifico ed economico, ma sono davvero gli unici aspetti importanti di cui tenere conto? Ammesso che sia così, un leggero svantaggio economico non pensi sia nettamente meglio di un maggiore pericolo per la salute di tutti?

Maraclal, lunedì 2 gennaio 2012 alle19:55 ha scritto: rispondi »

concordo con clini sul nucleare e gli ogm,sicuramente concordiamo sulle motivazioni di tipo scientifico ed economico a vantaggio del paese.

Lascia un commento