Partiti per il Messico destinazione La Paz, con l’intento di trascorrere una vacanza rilassante e rigenerativa, una coppia del Minnesota invece si è imbattuta in un branco di cani randagi. Il gruppo, composto da 34 esemplari, viveva allo sbaraglio su una spiaggia senza la possibilità di recuperare cibo e acqua. Una condizione di indigenza estrema che Jeff e Diana Hall hanno cercato di tamponare e risolvere interpellando un rifugio locale, ma la struttura era ormai al completo e al collasso da tempo. Per migliorare le condizioni di vita degli animali, i due hanno così deciso di lanciare una raccolta fondi su GoFoundMe, recuperando in tre mesi circa 47.000 dollari.

La situazione di povertà di questi cani, radunatisi in branco per sostenersi a vicenda, ha colpito profondamente la coppia che ha così deciso di fare qualcosa. Ma il territorio messicano è tristemente noto per la presenza di molti randagi, spesso denutriti e malati. Si stima che il numero si aggiri intorno ai 10.000 esemplari, una cifra spaventosa e preoccupante. Come hanno confermato Jeff e Diana, i 34 cani salvati:

Erano magri, denutriti, bisognosi di assistenza sanitaria ma molto amichevoli. Abbiamo subito provato un grande amore per loro, e allo stesso tempo abbiamo avuto paura che potessero diffondere qualche malattia nel paese.

Ribattezzati per l’occasione “Baja 34 Pack” i cani, grazie alle generose donazioni, sono stati trasferiti in due strutture locali ovvero K9 Rancho Del Perro e Baja Dogs La Paz. I fondi verranno utilizzati per le cure e le vaccinazioni dei quadrupedi con la prospettiva di un trasferimento veloce verso il Minnesota, nel rifugio gestito dalla coppia, ovvero il Camp Bow a Burnsville. L’obiettivo è quello di trovare loro nuove famiglie e case, così da poter salvare altri nuovi randagi ancora a piede libero per il Messico. Grazie all’interessamento dei due i cani finalmente potranno abbandonare per sempre una vita fatta di sofferenza e povertà, archiviando un passato di fame e violenze.

10 giugno 2015
Fonte:
Via:
Lascia un commento