Una simpatica coppia canadese, Dominic Husson e Louise Véronnea, ha deciso di sposarsi presso il rifugio The Cat House a Parlier, in California. Il duo ama profondamente i felini di affezione e proprio per questo motivo, in modo originale e insolito, ha scelto di celebrare l’unione all’interno del gattile. Una decisione appoggiata e sponsorizzata caldamente dalla stessa sposa che, sin dal 2012, presta aiuto e buona parte del suo tempo come volontaria proprio all’interno della struttura. Un’idea forse insolita per i più, ma molto delicata e sentita per chi come la coppia nutre un forte sentimento per i gatti.

Nessun testimone, ma solo 1.100 gatti che hanno animato la celebrazione sin dall’inizio, sin dai momenti dedicati ai preparativi e all’allestimento. Un piccolo video condiviso sulla pagine dell’associazione ha permesso di poter ammirare gli attimi più toccanti dell’evento, di spartire con gli sposi le emozioni dell’intera giornata. Anche un’emittente americana si è occupata del matrimonio realizzando un piccolo servizio a tema. Gatti sonnecchianti, oppure giocherelloni, mici seduti accanto agli invitati intenti a fare le fusa ma anche vicino alla sposa incuriositi dall’abito sontuoso.

Una cerimonia all’aperto davvero originale, con tanto di gattino al seguito di Louise durante la camminata verso l’altare. I felini hanno assistito interessati a tutta la celebrazione, per poi prendere parte anche ai festeggiamenti. Nessuna musica ha fatto da contorno al momento topico, come sottofondo poetico solo il suono della brezza del vento, il rumore dell’acqua del fiume e le fusa dei tanti ospiti della struttura. Un vero attimo onirico, un sogno realizzato, come hanno specificato i due ora marito e moglie. Una festa originale e inconsueta che ha permesso di far conoscere il lavoro del rifugio anche fuori dai confini della città, sensibilizzando nei confronti delle adozioni e delle donazioni. Un’occasione unica che ha visto tutto lo staff presente durante il matrimonio, in compagnia degli ospiti più importanti: i gatti.

27 maggio 2016
Fonte:
Lascia un commento