Un appello strappalacrime ha travolto la rete colpendo al cuore gli utenti di Facebook: due piccole cagnoline rinchiuse in canile sono state salvate a tempo record. La storia di Kala e Keira ha trovato riscontro negli utenti della pagina di Angels Among Us Pet Rescue, un’associazione di volontari senza scopo di lucro soliti condividere le storie importanti dei cani più bisognosi di aiuto. Le due amiche di box erano prossime alla soppressione, il canile che le ospitava le aveva messe in lista per addormentarle per sempre. Ma il gruppo di volontari ha deciso di lanciare una campagna last minute per un’adozione finale che le potesse strappare all’eutanasia.

Un vero miracolo, un piccolo trionfo: sono bastate 2 ore e 6 minuti e 5.000 Like su Facebook per trasformare per sempre la vita delle due amiche di cella. Un tam tam virtuale molto efficace e rapidissimo, che ha dimostrato quanto siano importanti le condivisioni, in tandem con la velocità della diffusione delle informazioni. Le due cagnoline, ora al sicuro tra le braccia del nuovo adottante, hanno rischiato la vita. Finite nell’equivalente del braccio della morte per i quattro zampe, Kala e Keira hanno catturato gli animi più sensibili, grazie alla foto pubblicata da Among Us Pet Rescue e al messaggio scritto a loro nome.

Musi tristi, occhi consapevoli dell’imminente morte, questo ha trasmesso la foto e in particolare lo sguardo del mix PitBull Keira dal manto nerissimo. L’amica Kala è accanto a lei, con le zampe anteriori le cinge il collo come in un ipotetico abbraccio e per affidarsi al suo affetto nella speranza la possa proteggere. Non sempre i miracoli accadono ma ora le due sono al sicuro, pronte a donare tutto il loro amore al nuovo amico umano. La loro foto conta ben 9.053 condivisioni e a oggi 16.334 Like, un vero successo che il gruppo di volontari spera si possa estendere ad altri cani in pericolo soppressione. Con la consapevolezza che un’adozione è un gesto importante, vitale, e che un cane è un essere senziente e come tale va rispettato.

22 luglio 2015
Fonte:
Lascia un commento