È online la nuova sezione per l’accesso semplificato al nuovo Conto Termico. A pubblicarla sul proprio sito il GSE, Gestore dei Servizi Energetici, che propone in due liste separate il “Catalogo degli apparecchi domestici” e l'”Elenco dei dispositivi proposti dai Produttori”.

=> Leggi la guida online agli incentivi per il Conto Termico di AICARR

Come previsto dal nuovo Conto Termico, al fine di “promuovere la diffusione dell’efficienza energetica e agevolare i consumatori nella conoscenza dei prodotti presenti sul mercato e rispondenti ai requisiti richiesti per ottenere gli incentivi”, per chi sceglierà di avvalersi dei suddetti apparecchi per i propri interventi potrà usufruire di una procedura di accesso semplificata.

=> Leggi il testo definitivo del Nuovo Conto Termico

Il GSE ha spiegato che i prodotti domestici inseriti in tale catalogo sono “apparecchi, macchine e sistemi” rispondenti ai più recenti standard tecnologici e finalizzati “alla produzione di energia termica e all’incremento dell’efficienza energetica”. Tuttavia lo stesso Gestore dei Servizi specifica come la lista potrebbe non includere ulteriori apparecchi “rispondenti ai requisiti previsti”:

L’elenco dei prodotti contenuto nel Catalogo degli apparecchi domestici ha valore esemplificativo e non esaustivo; è possibile, quindi, che anche altri dispositivi di mercato non inseriti nel Catalogo siano rispondenti ai requisiti previsti, e quindi ammissibili al nuovo Conto Termico con la procedura standard.

Nel secondo elenco, quello dei dispositivi proposti dai produttori, il GSE ha inserito tutti quegli apparecchi per i quali è stato chiesto l’inserimento all’interno del “Catalogo”. Tale procedura verrà svolta secondo quanto segue:

Gli apparecchi indicati saranno inseriti nel Catalogo definitivo dopo aver ottenuto il via libera all’idoneità dal GSE. Attualmente è disponibile una prima versione del Catalogo, costituita dall’elenco degli apparecchi domestici maggiormente utilizzati, le caldaie a biomassa e i collettori solari termici, già validati, alla data, dal GSE.

2 marzo 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
GSE
Lascia un commento