Il 2015 è l’Anno Internazionale dei Suoli. La loro salute è infatti fondamentale anche per la produzione alimentare di cibo oltre che per l’ambiente. L’Italia un anno fa ha iniziato a discutere alla Camera una proposta di legge di iniziativa governativa che definisce il suolo bene comune e risorsa non rinnovabile, ma da allora pochi passi concreti sono stati fatti.

Questo è il contesto in cui si inserisce il secondo report del WWF, frutto dell’iniziativa “Riutilizziamo l’Italia”, che quest’anno ha il titolo “Land transformation in Italia e nel mondo: fermare il consumo del suolo, salvare la natura, riqualificare le città”. Alla sua realizzazione hanno contribuito 12 atenei nazionali: Politecnico di Bari e Politecnico di Milano insieme con le università di Camerino, Firenze, L’Aquila, Messina, Napoli, Reggio Calabria, Roma Tor Vergata, Roma Tre, Torino e Venezia.

I dati sono allarmanti, ma in linea con ciò che vediamo succedere tutti i giorni sul nostro territorio: l’Italia dal secondo dopoguerra ha quadruplicato la superficie cementificata, che oggi arriva al 7,5% di quella nazionale, con un tasso di consumo di suolo pari a 90 ha/giorno (10 mq/secondo). Da ora al 2035 avremmo occupato con il cemento una superficie pari quasi a quella dell’intero Friuli Venezia Giulia, senza contare tutto ciò che è stato fatto prima.

L’indice di urbanizzazione pro-capite è passato da 120 mq/ab ad oltre 370 in 50 anni e in alcune Regioni del Belpaese la situazione è particolarmente grave: un esempio è la Lombardia, dove questo valore arriva a 719 mq/ab, doppiando i valori della media nazionale e di quella europea. Altro esempio è la costa Adriatica, dove l’ubarnizzazione e la cementificazione hanno “mangiato” circa 10 km di costa all’anno. Lo dicono i dati di una ricerca coordinata dal professor Bernardino Romano dell’Università dell’Aquila, che collabora con il WWF.

Non sarebbero al sicuro nemmeno le aree della Rete Natura 2000: basta allontanarsi di 1 km dai confini delle stesse per trovare territori in cui la densità di urbanizzazione è passata dal 2,7% di 50 anni fa al 14% attuale.

Eppure il problema non è sentito solo nel nostro Paese: nel 2011 è stata redatta una “Tabella di marcia per un’Europa efficiente nell’uso delle risorse” che stabiliva il raggiungimento del “consumo di suolo zero” entro il 2050.

In tutto il mondo si comincia a parlare di “shrinking cities” (città in contrazione), del problema del “Land Grabbing” (accaparramento della terra), della necessità di potenziare la biodiversità delle aree urbane, con attenzione alla progettazione verde. Esempi ne sono la Green Grid di Londra o il Green Infrastructure Plan di New York.

Il report oltre ad analizzare le cause del problema prende infatti in considerazione anche le risposte più avanzate a disposizione per riuscire a contenerlo e allo stesso tempo a recuperare la bellezza dei nostri territori grazie anche a importanti opere di riqualificazione.

9 febbraio 2015
In questa pagina si parla di:
wwf
Fonte:
WWF
Immagini:
Lascia un commento