Un gruppo di ricercatori americani dell’Università della California – Riverside’s Bourns College of Engineering ha messo a punto un sistema di navigazione che promette una sensibile diminuzione dei consumi energetici delle auto elettriche, a tutto vantaggio dell’ambiente e dei costi di utilizzo dei veicoli.

La novità consiste in uno strumento per la “navigazione ecologica” che tiene conto di numerosi parametri per suggerire il percorso migliore dal punto di vista del dispendio energetico. Il software non si limita infatti a suggerire la strada più breve o quella meno trafficata, ma promette di abbracciare un ampio numero di variabili che vanno al di là di quanto offerto dai navigatori attualmente sul mercato.

Il sistema di “eco-routing” considera il tipo di strada, la lunghezza del viaggio, il traffico in tempo reale e molti altri dati che possono portare a un taglio dei consumi pari al 51%, come confermato da alcuni viaggi sperimentali compiuti dalla squadra di ricerca nella zona del campus di Riverside. Il team ha impostato tre diversi sistemi di navigazione scegliendo di volta in volta il percorso che assicurava la distanza più breve, quello con il minor tempo impiegato o quello con il più basso consumo energetico.

Le prove hanno visto protagonista un esemplare di Nissan Leaf sulla base di 100 viaggi da marzo a luglio dello scorso anno, così da raccogliere un insieme di dati che sono stati poi usati per mettere a punto l’algoritmo del sistema di navigazione.

I risultati hanno messo in evidenza un significativo risparmio di energia rispetto a quanto consentito dagli altri navigatori, al punto che il ricercatore principale del progetto, Guoyuan Wu, ha affermato che il sistema ha un significativo potenziale per la commercializzazione, magari dopo alcuni affinamenti e ottimizzazioni per l’utilizzo quotidiano.

22 settembre 2014
Lascia un commento