L’autunno è cominciato da qualche giorno e pian piano ci si avvicina alla stagione fredda. Con il progressivo calo delle temperature, gli umani sono soliti armarsi di giacche e giacconi per combattere il freddo e le intemperie. Ma come comportarsi con il cane di famiglia in autunno e in inverno?

Proteggere al meglio il cane dal freddo è una delle migliori strategie per mantenerlo a lungo in salute. In questa fine di settembre non vi è ancora molto da fare, considerato come le temperature siano ancora del tutto piacevoli e come il sole sia ancora caldo. Per gestire i prossimi mesi, tuttavia, è meglio giocare d’anticipo, con acquisti mirati e un po’ di fai-da-te.

Non importa se il proprio cane faccia parte di una razza amante dei freddi, come ad esempio l’Husky, il primo quesito da porsi sempre è: fuori o dentro casa? Innanzitutto, bisogna seguire la naturale inclinazione del cane: se il cucciolo di casa dovesse felicemente trascorrere le proprie giornate all’aperto anche con pioggia e neve, non è il caso di costringerlo a una reclusione forzata. È tuttavia necessario valutare bene a quale agente atmosferico l’animale verrà sottoposto, anche in relazione al suo tipo di manto: per i cani a pelo corto o cortissimo, una mantellina impermeabile o un caldo cappottino non faranno di certo male. Utili anche delle ciabattine in stoffa per proteggere le zampe, qualora il cane le sopportasse: alcune sostanze sparse sulla strada per favorire il reflusso dell’acqua o impedire che il fondo si ghiacci, infatti, possono risultare irritanti.

Le nostre nonne lo tramandano da secoli: non c’è niente di meglio per combattere il freddo che una giusta alimentazione. Lo stesso vale anche per i cani: è meglio ridurre – se non proprio eliminare – i prodotti da frigo, privilegiando alimenti secchi oppure umidi ma riscaldati. Chi non fosse abile con pentole e fornelli, troverà in commercio numerosi cibi precotti da inserire comodamente nel microonde. I pasti dovrebbero essere consumati all’interno dell’abitazione, sia per evitare gli spiacevoli effetti degli sbalzi di temperatura, sia perché il clima rigido potrebbe congelare i liquidi. La ciotola dell’acqua, perciò, deve rimanere sempre al coperto. Attenzione anche alle sostanze nutritive: i cani si muovono di meno in autunno e in inverno, quindi un’alimentazione ricca di grassi potrebbe portare a bruschi aumenti di peso.

Infine, qualora il nostro cagnolino fosse un temerario e tenerlo chiuso in casa risultasse impossibile, fine settembre è il momento migliore per dedicarsi a un po’ di bricolage. Armandosi di chiodi, martello e legno, è meglio verificare che la cuccia non presenti fessure e non sia stata sottoposta all’usura. Poi, si possono rinfrescare le doti di sartoria con ago e filo, imbottendo la stessa di un caldo tessuto in lana o di quelle tante fibre antifreddo, acquistabili anche nei negozi di bricolage.

24 settembre 2012
Lascia un commento