Conferenza Nazionale Sharing Mobility: italiani amano la condivisione

Si è svolta questa mattina a Roma la Conferenza Nazionale sulla Sharing Mobility 2018. L’evento ha visto la partecipazione tra gli altri del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del presidente della Fondazione Sviluppo Sostenibile Edo Ronchi. Durante la giornata è stato reso noto il Secondo Rapporto Nazionale sulla Sharing Mobility, che ha evidenziato un crescente favore, da parte degli italiani, verso la mobilità condivisa.

Sono circa 18,1 milioni (28% della popolazione italiana) i cittadini che hanno accesso a strumenti inseriti nella mobilità condivisa come ad esempio car sharing, car pooling o bike sharing. Un fenomeno la cui diffusione è in crescita, tanto che il 54,4% degli intervistati ha dichiarato di conoscerne gli strumenti (o di averne sentito parlare) e di essere disponibile a utilizzarli lasciando a casa la propria auto. Positivo il supporto alla sharing mobility offerto dalle varie app, che consentono di scegliere il mezzo ideale tra un’ampia offerta.

Per quanto riguarda nel dettaglio i vari strumenti della sharing mobility è possibile notare dal rapporto come il bike sharing sia cresciuto nell’ultimo anno del 147%, con 39.500 biciclette disponibili in 265 Comuni. A contribuire al successo della bici condivisa anche l’introduzione di formule di “free floating”.

=> Scopri di più sugli italiani e la multi-modalità

Vero e proprio boom per il car sharing, con il parco auto quintuplicato negli ultimi 5 anni. A guidare le città italiane è Milano, dove un’auto del car sharing viene noleggiata in media 5 volte al giorno. Consolidate le posizioni per due servizi storici come car2go ed Enjoy, mentre un’ulteriore spinta è arrivata da nuovi concorrenti come DriveNow e la maggiore diffusione delle auto elettriche condivise con Sharen’Go, E-Vai e Blue-Torino. Concentrato in quattro grandi centri il 90% dei veicoli condivisi: il 43% a Milano, il 24% a Roma, il 15% a Torino e l’8% a Firenze.

Positivo il bilancio anche per il car pooling (attivi in Italia Clacsoon, Zego, Moovit, Scooterino, Jojob, UP2GO e Bepooler), che può contare su 2,5 milioni di utenti: la quota maggiore utilizza il servizio per le tratte extraurbane, mentre è importante la crescita nei bacini urbani (+350%). Elettrico il 68% della flotta dello scooter sharing, con Ecooltra e Mimoto attivi a Roma e Milano. Mobilità condivisa la chiave per città meno inquinate e stressanti, ma anche per elevare la qualità della vita urbana. Come ha affermato il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti:

La mobilità condivisa è uno dei comparti trainanti di quella rivoluzione della sostenibilità dei trasporti urbani che è essenziale per assicurare standard qualità dell’ambiente e della vita nelle città. I trasporti incidono in maniera significativa sull’inquinamento atmosferico urbano che, soprattutto nella Pianura Padana, segna ancora ripetuti superamenti delle soglie imposte dalle norme nazionali ed europee. Il traffico è anche uno dei principali fattori di stress della vita in città.

Condividere mezzi, tragitti, viaggi, spostamenti casa-lavoro è u modo concreto e anche “sociale” per aiutare le città ad essere più a misura di essere umano. Il ministero in questi anni ha finanziato progetti di 573 interventi per 625 milioni in favore di 169 enti locali in materia di mobilità sostenibile e nell’ultimo anno ha promosso e finanziato oltre 80 progetti per gli spostamenti casa-lavoro e casa-scuola presentati dai Comuni italiani. È questa la direzione giusta per un’Italia migliore e più green.

=> Leggi i dati 2017 sul boom del car sharing

La sharing mobility rappresenta un’opportunità per sostituire l’auto privata con mezzi più sostenibili secondo quanto ha sottolineato Edo Ronchi, presidente della Fondazione Sviluppo Sostenibile:

La mobilità passeggeri è eminentemente un fenomeno urbano, e gran parte degli spostamenti avviene in città. Questo significa anche che gli impatti negativi della mobilità si riscontrano nelle nostre città, dove vi è il maggior numero di persone esposte. È però proprio in città che ci sono le maggiori opportunità perché il modello di mobilità individuale venga messo in discussione da quello basato sui servizi condivisi e pubblici. Perché ciò accada serve che la mobilità condivisa conquisti spazio e lo tolga all’uso dell’auto privata.

27 marzo 2018
Lascia un commento