In attesa del Papa nero, almeno avremo una Città Santa un po’ più verde. Roma, entrata oggi in pieno conclave per l’elezione del successore di Benedetto XVI, si appresta ad accogliere decine di migliaia di fedeli che, come è normale, creeranno migliaia di tonnellate di rifiuti in più di quanto non ne producano normalmente i cittadini romani ogni giorno.

Una delle soluzioni adottate per evitare l’emergenza rifiuti è il collocamento, effettuato questa mattina, di cinque compattatori solari scarrabili “K-Solar” ai giardini di Castel Sant’Angelo. Cioè a due passi dal parcheggio dei pullman che portano i fedeli in città. Ogni compattatore, della capacità di dieci metri cubi, è destinato a ricevere rifiuti non differenziabili e, grazie al fotovoltaico, si auto alimenta e non ha bisogno di alimentazione ausiliaria.

I compattatori fotovoltaici di rifiuti sono stati forniti da Ecologia Soluzione Ambiente Spa, il cui presidente Enrico Benedetti così descrive la tecnologia adottata:

Questi sistemi rispecchiano quanto ci impone la nuova Direttiva Europea 98/2008/CE in materia di gestione del ciclo integrato dei rifiuti. Le amministrazioni che li adottano realizzano un bilancio ambientale, economico e sociale positivo, con una riduzione dell’80% delle emissioni in atmosfera di Co, Co2, Pm e Pm10, e un risparmio di oltre il 20% rispetto agli altri sistemi tradizionali, quello stradale o il porta a porta.

Un mezzo come questo elimina circa 20 cassonetti stradali da 3400 litri: meno cassonetti in strada equivale a un minore numero di mezzi che girano e inquinano, e quindi a una gestione ottimale del servizio di raccolta dei rifiuti.

Per evitare che i compattatori vengano utilizzati in modo improprio, però, durante i giorni del conclave ci saranno degli operatori dell’Ama che vigileranno sul loro corretto utilizzo. Solo i rifiuti che non possono andare nei contenitori della raccolta differenziata, infatti, saranno ammessi.

12 marzo 2013
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Ziomaul, martedì 12 marzo 2013 alle19:45 ha scritto: rispondi »

Però il nuovo sindaco di Roma distruggendo la raccolta differenziata (il riciclo è fortemente diminuito) già avrebbe riempito le discariche in uso!!!

Lascia un commento