Con il cane gli studenti imparano di più: lo studio

Non è di certo un segreto: oltre a essere dei fedelissimi compagni di vita, i cani rappresentano delle risorse irrinunciabili per una varietà di attività umane. Sono la specie d’elezione come animali guida per le persone diversamente abili, ad esempio, ma anche infallibili professionisti nelle operazioni di ricerca o nella diagnosi precoce di alcune malattie. Negli ultimi anni, si è inoltre scoperto come questi quadrupedi siano particolarmente utili per sconfiggere alcuni disagi a livello psicologico, come l’ansia e la depressione, grazie al loro ruolo calmante nella pet-therapy. L’ultima evidenza in tal senso proviene da uno studio condotto dall’Università della British Columbia, pronta a confermare come Fido sia essenziale per il benessere degli studenti.

La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Stress and Health, ha coinvolto 246 studenti, raccogliendo dati prima e dopo una sezione di pet therapy. Insieme ai giovani ben 12 cani addestrati, pronti a scodinzolare e strappare qualche coccola. Ai partecipanti è quindi stato chiesto di compilare un questionario prima, durante e dopo 10 ore dall’esposizione, per valutare il loro stato emotivo.

=> Scopri i benefici della camminata con il cane


I risultati si sono rivelati sensibilmente positivi: dopo l’interazione con l’amico a quattro zampe, tutti gli studenti presentavano minori livelli di preoccupazione e stress per gli impegni di studio, nonché in relazione a esami e scadenze. Non è però tutto, poiché questa sensazione di benessere e autostima è durata anche ben oltre l’esperimento, con effetti significativi anche dopo dieci ore.

I cani per la pet-therapy stanno diventano sempre più popolari a livello universitario, soprattutto nei campus a stelle e strisce. La loro presenza permette agli studenti di ottenere performance più elevate, con una maggiore concentrazione, voti più alti e percorsi di studio con meno intoppi. Così ha spiegato Frances Chen, a capo dello studio:

=> Scopri come i cani aiutano a comprendere i tumori


Queste sessioni con i cani forniscono chiaramente dei benefici agli studenti nel breve periodo, quindi riteniamo che le università dovrebbero organizzare degli incontri nei periodi particolarmente stressanti, come quello d’esame. Anche poter disporre di cani per la terapia quando gli studenti eseguono i loro compiti fuori dalle classi può essere d’aiuto.

12 marzo 2018
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Serena, lunedì 12 marzo 2018 alle19:49 ha scritto: rispondi »

L'Università degli studi di Teramo , facoltà di medicina veterinaria, ha fatto uno studio simile l'anno scorso (2017) tramite una tesi in tutela e benessere animale e da allora in facoltà sono ammessi gli animali come sostegno durante gli esami.

Lascia un commento